La debolezza della Società delle Nazioni


Da molti punti di vista le decisioni prese a Versailles, così come quelle sancite da tutti i vari trattati siglati negli anni del primo dopoguerra, non rispecchiano lo spirito dei 14 punti di Wilson. La pace non è stata senza prezzi, infatti i vincitori hanno voluto consumare le loro rivincite. Tra i vinti, qualcuno, come i nazionalisti turchi ha lottato all'ultimo sangue, fino alla fine. A sedare gli attriti e i terribili risentimenti dovrebbe pensare una delle grandi invenzioni di Wilson, la Società delle Nazioni. L'organismo sopranazionale viene effettivamente costituito nel gennaio del 1920 e ha sede a Ginevra. Gli Stati aderenti si impegnano a rispettare l'integrità territoriale e l'indipendenza politica degli altri Stati membri. La società vieta il ricorso alla guerra per la risoluzione dei contenziosi internazionale e prevede al suo posto il ricorso all'arbitrato internazionale, da realizzarsi attraverso la convocazione di apposite conferenze diplomatiche. Sulla carta è un bel progetto ma al momento di ratificare la decisione il Senato statunitense rifiuta di approvare l'adesione degli Stati Uniti. Oltre al calcolo politico immediato (all'epoca la maggioranza del Senato era repubblicana, mentre Wilson è democratico e questa può essere un'occasione importante per colpirlo politicamente), c'è anche l'idea di restituire agli Stati Uniti la più completa autonomia senza che debbano sentirsi permanentemente coinvolti nelle questioni politiche europee. Ma facendo così, i rappresentanti statunitensi privano la società delle nazioni del supporto dello Stato che tutti riconoscono come vero protagonista della vittoria finale dell'Intesa. In tal modo la società nasce fin da subito come un organismo incredibilmente debole. E la storia successiva della Società non farà che confermare questa sua tara originaria. Essa comunque, a sua volta, sarà un non piccolo contributo alla terribile precarietà del nuovo sistema geopolitico internazionale uscito dal carnaio della Grande Guerra.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità