Circolazioni delle idee Mazziniane tra il 1831 e il 1842

In ambiente cittadini tra i diversi strati sociali, anche quelli popolari, le idee mazziniane suscitarono un sentimento nazionale, anche in altre iniziative culturali consentite dalla censura dei governi.

Firenze: già esisteva "l'antologia" rivista, che aveva toni riformatori anche in materia religiosa.
1833 il granduca Leopoldo II ne vieto la continuazione
1839 dopo il periodo di isolamento un gruppo di scienziati convoca a Pisa: un congresso degli scienziati italiani.
1842 fondazione rivista di studi storici, archivio storico italiano, ha un ruolo importante.

Napoli: sede importante per gli studi scientifici
1832 fondata la rivista "progresso delle scienze, delle lettere, delle arti" ma c'era la censura borbonica forte.
1834 il fondatore del "progresso" Ricciardi, arrestato

1846 la rivista continuò sotto Bianchini, ma perse di mordente

Torino: importante figura universitaria era Pomba (1795-1876) mise in piedi il progetto dover una enciclopedia che vide la luce nel 1849.

Milano: Gioia (1767-1829) Romagnosi (1761-1835) esponenti di rilievo
1824: "Annali universali" di statistica, economia pubblica storia, viaggi e commercio. In questo ambiente il più importante intellettuale del tempo fu Cattaneo, che nel 1839 fonda la sua rivista "Il Politecnico"

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email