Tutor 47430 punti

Il cartismo


Il cartismo è stato un movimento di natura politica-sociale che si affermò nel corso dell’Ottocento in Gran Bretagna. Il nome cartismo è legato alla celebre “People’s Charter”, nota in italiano con il nome “Carta del Popolo”, la qua era stata presentata nell’anno 1838 presso la Camera dei Comuni mediante una petizione che ebbe firmato almeno un milione di persone.
L’organizzazione del movimento si dovette a Ferguson O’Connor che svolgeva l’avvocato come professione. I membri del movimento cartista facevano parte della classe dei lavoratori inglese.

La celebre People’s Charter


La celebre People’s Charter dell’anno 1838 si articola in alcuni punti che sono i seguenti:

il voto deve essere esercitato da maschi di almeno 21 anni che siano sani di mente e che non abbiano mai avuto delle condanne;
il voto deve essere segreto per tutelare la figura di colui che vota;
non è previsto nessun obbligo ad avere una proprietà se si vuole far parte del Parlamento;
l’indennità parlamentare che permetta a tutti i lavoratori di poter essere eletti in maniera uguale in seno al Parlamento britannico;
la revisione delle circoscrizioni elettorali;
il Parlamento Annuale.



Nel 1842 la petizione fu di nuovo proposta dal movimento cartista, raccogliendo più di tre milioni di firme. Il governo inglese non accolse mai questa petizione, dunque il movimento cartista proprio per questo motivo diede vita a tantissime manifestazioni, che purtroppo talvolta degenerarono essendo soffocate con il sangue. Il movimento successivamente perse la sua importanza, in particolar modo perché le condizioni di vita in Gran Bretagna migliorarono e perché poi furono attuate anche delle riforme nel ventennio compreso tra l'anno 1867 e l'anno 1887. Le idee del cartismo poi sarebbero state riprese successivamente dal movimento socialista inglese.
Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email