Ominide 316 punti

Partendo dal fatto che l'auto elettrica a batteria e' stata una tra i primi esemplari di auto esistenti, essa infatti venne creata, testata ed infine messa in commercio tra il 1832 ed il 1839 circa. Un'industriale scozzese di nome “Robert Anderson” creò il primo modello di carrozza elettrica.Con il passare degli anni, e sempre più auto elettriche che nascevano alla fine del 1900 vi era una grande percentuale, di auto vendute e possedute dalla popolazione. Per molti anni infatti queste auto vendettero più delle comuni auto a benzina, ma la cosa cambiò quando ci si rese conto che, a causa delle batterie non dotate di sistemi tecnologici in grado di far viaggiare l'auto ad una velocità maggiore dei 30 Km/h e di controllare la propria trazione del veicolo, queste vennero da questi anni in poi vendute esclusivamente come “town-car” (veicoli adatti alla strada o paesi). Spesso usati dal popolo femminile in quanti facili da guidare e poco rumorose, oltre al fatto che non necessitavano di molta manutenzione.Tuttavia la cosa cambiò subito negli anni a seguire, dove, la nuova tecnologia permise alle auto elettriche di conquistare molti record di velocità e di distanze raggiunte con una sola carica. Fu così che nel 29 aprile del 1899 la belga “Camille Jenatzy” entrò nella storia superando la velocità di ben 100 Km/h, a bordo del suo veicolo elettrico, a sagoma di missile, soprannominato successivamente “La Jamais Contente” (mai contenta

Ormai, però, era stato raggiunto un limite allo sviluppo che si poteva fare con questo tipo diinvenzione, infatti dopo aver tentato fino agli anni venti di creare modelli più competitivi sia al livello di funzionamento che di durata, e non avendo avuto successo i modelli successi creati non furono più destinati ad uso stradale o privato. Ma ben si furono impiegati la dove lo scopo non era la velocità o l'autonomia ma la silenziosità e l'assenza di gas di scarico nocivi e pericolosi. Ovvero per impieghi particolari come: carrelli di trasporto e/o elevatori delle stazioni ferroviarie, le piccole auto utilizzare nei campi da Golf ed i veicoli per i servizi porta a porta.L'unico svantaggio o inconveniente dell'auto elettrica, e' il fattore dell'autonomia. Essa in fatti non ha mai avuto una durata assai lunga, la batteria quindi doveva essere sostituita raggiunti o anche prima aver percorso i 150 Km fattore molto disagevole, dato che si volevapuntare ad un tipo di motore che avrebbe dovuto rivoluzionarie il mondo dell'auto, assicurando quindi un uso puramente “di città”. Tuttavia pare che negli anni successivi, l'autonomia ebbe una grande svolta. Vennero create infatti, agli inizi degli anni 90' (1996) nuove tipologie di batterie come: “Ioni di litio”.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email