Video appunto: Van der Weyden, Rogier - Vita e Stile

Rogier van der Weyden



Rogier van der Weyden nacque a Tournai nel 1399 e morì a Bruxelles nel 1464.
Egli effettuò un viaggio in Italia, e nel 1450, durante il Giubileo, raggiunse Roma; inoltre effetto altre tappe presso le corti di Milano, Ferrara, Mantova, Firenze e Napoli.
Questo viaggio in Italia gli permise di assumere un ruolo di mutuo dialogo fra le due culture.


La Deposizione di Rogier van der Weyden



Questo dipinto lo eseguì tra il 1433 ed il 1435 e lo realizzò per la Chiesa di Notre-Dame.
Egli ebbe la capacità in questo dipinto di rendere i materiali più diversi tramite sottili variazioni dei riflessi luminosi.
Il pannello, che in origine faceva parte di un trittico, presenta una composizione emozionante e drammatica: vediamo Maria mentre assume una posizione analoga a quella di Cristo, come a sottolineare la sua partecipazione alle sofferenze del figlio.
La scena si svolge all'interno di una nicchia poco profonda; le figure sono molto plastiche ed occupano lo spazio per intero.

La Madonna Medici di Rogier van der Weyden



Questo dipinto raffigura la Madonna del latte in piedi, tra i santi Pietro, san Giovanni Battista, Damiano e Cosma.
In questa opera vi sono due importanti innovazioni tecniche: la prima è che è stato eseguito il dipinto su tavole di legno di quercia, invece che di pioppo come era d'uso in Italia; mentre, la seconda innovazione tecnica è che questo è un dipinto ad olio.
Il dipinto ad odiosi ottiene dalla macinazione di sostanze coloranti vegetative od animali, mescolate ad oli: da ciò si otteneva una pittura molto fluida con effetti importanti di luminosità.