Ominide 353 punti

La Madonna del Belvedere

La Madonna del Belvedere è un dipinto risalente al 1506 del famoso Raffaelo Sanzio, rappresentante la Madonna, Gesù Bambino e Giovannino. Il paesaggio pare autunnale con una distesa di prato di un verde non troppo chiaro e delle pietre coperte di muschio poste dietro il soggetto adulto. Nella stessa distesa di terreno si intravedono delle piante e degli alberi in crescita, seguiti poi da delle erbacce e da un piccolo germoglio di papaveri rossi. Nell'orizzonte di un celeste-biancastro, s'intravede un nucleo di piccole case che si pensa formino il borgo da cui provengono i soggetti del quadro; più a destra scorgono delle montagne e nella parte bassa di esse degli alberi poco nitidi.
Il pittore, riguardo al paesaggio, sceglie dei colori abbastanza freddi per far si che il panorama rimanga in secondo piano rispetto ai soggetti principali. La luce del dipinto è concentrata sulla composizione piramidale e sopratutto sull'azione che stanno compiendo i bambini: la Madonna hai i capelli biondi e raccolti, la sua carnagione è chiarissima e ha gli occhi rivolti verso il basso, verso i bambini; il suo sguardo è calmo e trasmette spontanea famigliarità. Indossa una veste di colore rosso acceso e una manta di colore blu. La gamba destra è distesa lungo la sua diagonale e il suo volto è rivolto nell'omonimo verso. E' abbastanza robusta, ha collo, mani e un piede nudi e con le sue mani tiene il corpo ignudo di Gesù Bambino. Quest'ultimo è abbastanza robusto: ha capelli biondi e delle orecchie rotonde. In preda a consegnare una croce a Gesù, Giovannino, con i suoi capelli biondi ma riccioluti e anche lui con le orecchie rotonde, è vestito di un pezzo di stoffa che copre lui solamente il petto. Il restante del suo robusto fisico è privo di abiti.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email