J.lee di J.lee
Ominide 1094 punti

Piazza del Campidoglio - Michelangelo

Il colle capitolino negli anni di Michelangelo, non aveva un accesso diretto e degno dalla città. Su di esso erano presenti due edifici collocati lungo direttrici che formavano un angolo acuto. Michelangelo creò la più spettacolare piazza che l’Urbe avesse mai avuto, arricchendola di suggestivi ed evocativi reperti che la legavano alla gloriosa storia romana. Ai due edifici esistenti Michelangelo ne aggiunse anche un terzo a Nord, il Palazzo Nuovo simmetrico al Palazzo dei Conservatori. Si venne a formare così una piazza trapezoidale al centro della quale fu collocato il Marco Aurelio. Il disegno stellare a intreccio entro un ovale, fu eseguito nel 1940. Questo ovale, con l’asse maggiore perpendicolare al Palazzo Senatorio riconduce lo spazio trapezoidale a una geometria accentrata, unidirezionale e più intima. Dalla piazza si dipartono poi cinque strade. Michelangelo riveste di bugne il pian terreno del Palazzo Senatorio, trasformandolo in semplice basamento per l’ordine gigante (abolizione della partizione orizzontale delle facciate e sostituzione con un nuovo ordine architettonico che percorre verticalmente l’intera altezza dell’edificio) di paraste che abbraccia il primo e il secondo piano. Questo risulta essere più alto degli altri due, infatti nel Palazzo dei Conservatori e nel Palazzo Nuovo un simile ordine gigante di paraste corinzie, addossate a robustissimi pilastri, divide i fronti in 7 campate. A questo schema Michelangelo somma un ordine minore di colonne ioniche. Disposte a coppie in ogni campata, su di esse grava una trabeazione che sostiene la porzione di muro di competenza alleggerita da ampie finestre. In tal modo le architetture dei due palazzi funzionano come una moderna struttura di pilastri e travi. Una balaustra ornata di statue infine, corona i tre edifici unendoli ancor più e procurandone loro leggerezza. Modernizza la piazza per renderla adatta all’importanza della città di Roma, per questo cerca sempre il meglio e vuole arrivare a rendere la piazza un luogo immenso.

Autore: Michelangelo Buonarroti.

Titolo: Piazza del Campidoglio.
Data: 1537.
Collocazione: Roma, Piazza del Campidoglio.
Dimensioni: 53 x 63 m.
Committenza: Fu incaricato di risistemare la Piazza del Campidoglio dove papa Paolo III aveva deciso di trasferire il Monumento equestre di Marco Aurelio.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email