_kia96_ di _kia96_
Ominide 1825 punti

I primi palazzi del 1400

La città medievale è cambiata e nella Firenze degli anni 40 e a seguire avviene una vera e propria trasformazione urbana. Firenze, come tutte le altre città italiche, nasce come castello, poi si trasforma gradualmente in un borgo finchè non viene costruita, per volere dei nobili inurbati, una cinta difensiva controllata. I nobili inurbati appena entrano in città nel 1300 non si fanno costruire palazzi, ma torri. Solo nel 1400 arrivano i palazzi ed ogni famiglia cancella le proprie torri. A Bologna hanno voluto lasciare due torri.

Due palazzi che nascono quasi contemporaneamente sulla scena fiorentina sono il palazzo Medici-Riccardi e il palazzo Ruccellai.

Palazzo Medici-Riccardi: il progetto è di Michelozzo Michelozzi, architetto militare che lavora anche a Dubrovnick. Il primo ordine dall’esterno viene lavorato a bugnato ed in questo modo l'architetto lascia che il palazzo abbia ancora un aspetto militare (pietre che sporgono), lo imposta come una caserma.

Palazzo Ruccelai: Leon Battista Alberti costruisce per la famiglia Ruccelai un palazzo non più militare. Questa struttura costituisce una novità architettonica, in quanto è piena di luce e di grandi finestre a differenza della torre con finestre anguste. Ci sono grandi bifore coronate da un arco a tutto sesto. Dall'esterno c’è anche una novità stilistica: uso di pietre piatte, non c’è più la pietra che aggetta (sporgente).

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email