Ominide 2473 punti

Giorgione era un pittore famoso. Produsse poche opere ma tutte molto celebri. Ebbe una vita molto breve, morì a 30 anni. Una delle caratteristiche dei suoi dipinti è il mistero. Le opere non sono chiare, lasciano spazio all’interpretazione.

I tre filosofi

Metà dipinto è occupato dal paesaggio e l’altra metà da 3 uomini, interpretati in vari modi dai critici d’arte. I tre filosofi possono anche essere le età dell’uomo (sono di età diversa), per rappresentare diverse epoche della filosofia. Altri hanno anche interpretato il dipinto come religioso. C’è quindi un senso di mistero.
Nella parte sinistra c’è una caverna, che ci fa pensare al mito della caverna di Platone.
Viene usata la pittura tonale, che caratterizza la scuola veneta. Questa consiste nel non usare toni di colore ma mettendo tutto sullo stesso tono; si ottiene aggiungendo una punta di rosso e una punta di giallo al blu, in modo tale da ottenere un colore più caldo; la rappresentazione è caratterizzata da una luce dorata che pervade tutta la scena. Questo fa sì che non ci siano aspetti molto drammatici; è rassicurante.
Si usa il colore per dare un senso di profondità. Le figure in primo piano sono vestite di rosso, un colore che si tende a vedere prima degli altri. I colori più scuri vengono messi in secondo piano. Questo stile è detto prospettiva cromatica.

La Tempesta

Il soggetto è la natura, la tempesta, non le persone raffigurate.
L’uomo in piedi è vestito di rosso e bianco, quindi c’è il primo piano fatto con il colore; l’idea che dà è quella di qualcuno che fa la guardia. Dall’altro lato c’è una donna che allatta un bambino. Non si sa chi siano i soggetti ma l’ipotesi più sostenuta è che siano Adamo ed Eva cacciati dal paradiso. L’idea che ci dà la scena è che la donna abbia appena partorito in mezzo al campo. Altra ipotesi parla della fuga d’Egitto, quindi i soggetti sarebbero Gesù, Maria e Giuseppe.
I personaggi sono tuttavia secondari e ci invitano a guardare il paesaggio: non guardano verso di noi. Giorgione li colloca nel loro tempo con le vesti e le case rappresentate.
Questo dipinto è famoso perché ha un’interpretazione particolare e utilizza il rosso, che verrà poi utilizzato da Tiziano in tutti i suoi dipinti.
Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email