Ominide 4103 punti

Gentile da Fabriano

Figura chiave della fase di passaggio tra la stagione del gotico cortese e quella rinascimentale è Gentile da Fabriano, artista che è stato in grado di incrementare la propria fama al cospetto dei signori delle corti.
Difatti, chiamato ad operare per tutta la sua carriera in numerosi centri della penisola,ha lavorato per committenti di alto rango,svolgendo un ruolo centrale nella diffusione dello stile internazionale in Italia.
I modelli gotici, d'altra parte, giungevano anche in aree provinciali attraverso le reti dei commerci e quelle della diplomazia,con la quale si costruivano e si disfacevano alleanze tre grandi potentati e le piccole signorie locali: è il caso di Fabriano,il cui signore è entrato nelle grazie di Gian Galeazzo Visconti, in un periodo in cui questi cercava di estendere il proprio raggio di influenza in Italia centrale e fu a Milano, nel 1395, alla cerimonia nella quale il Visconti venne nominato duca.

Non stupisce, dunque, che per gentile si sia ipotizzato una formazione in area lombarda, tra Milano e Pavia.
Sono gli anni in cui a Milano veniva aperto il grande cantiere del Duomo,mentre Pavia era stata eletta da Gian Galeazzo Visconti ha sede della propria corte.
Nel campo della politica culturale, Visconti guarda al modello francese:probabilmente chiama al proprio servizio artisti d'oltralpe e ne importa le forme raffinate, facendone il linguaggio distintivo della sua corte.
Fondamentale in questo contesto è la figura di Giovannino de' Grassi, architetto attivo nel cantiere del Duomo, ma ricordato soprattutto come eccellente miniatore, esponente di un naturalismo minuzioso e insieme di aristocratica raffinatezza.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email