Concy_x di Concy_x
Ominide 611 punti

La Maddalena Penitente è un'opera scultorea in legno parzialmente dorato di Donatello datata tra il 1455 e il 1456. Essa fu eseguita per il Battistero fiorentino e destò scalpore e al contempo ammirazione per il suo troppo ardito realismo. Attualmente è conservata nel Museo dell'Opera del Duomo di Firenze.
Al contrario di molti scultori, Donatello scolpisce qualsiasi tipo di materiale: quest'opera, in legno, sicuramente non sarebbe stata scolpita da un Canova che reputava il marmo come l'unico materiale degno di essere scolpito.
Tale opera è il capolavoro di Donatello per il coraggio e la radicalità: è unica per il gusto di quei tempi e supera l'estetica rinascimentale della bellezza, dell'equilibrio e della monumentalità lasciando spazio alla deformazione che esprime al meglio, sacrificando alcuni aspetti del reale, il carattere della Maddalena.
La deformazione di quest'opera subito ci riporta alla mente i molto successivi movimenti dell'espressionismo e dell'impressionismo: la serpentinità che ne viene fuori ci riporta alla mente artisti come Dresda, Munch, Pollock, Van Gogh. Il panneggio infatti, sembra il disegno di una fiamma e il volto è visibilmente scavato dal dolore anche se il retro dell'opera risulta ancora più esplicito in questi termini infatti i capelli si mescolano al panneggio come la cera di una candela che si scioglie.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email