Ominide 1080 punti

Banchetto di Erode, rilievo in bronzo


Il Banchetto di Erode viene realizzato a partire da una sola formella in bronzo per la decorazione della fonte battesimale del Battistero di siena in collaborazione con Lorenzo Ghiberti e altri artisti minori dell'epoca, presumibilmente fra il 1423 e il 1427. Nel primo piano è presente l'episodio con cui un servo porge la testa di san Giovanni battista a Erode Antipa, che pur avendone ordinato l'esecuzione ne è disgustato, proprio come i commensali della sua tavola, che arretrano formando un vuoto, sopra al quale diparte il primo punto di fuga.


Il vuoto conferisce realismo e profondità, oltre a contribuire a creare giochi di luce. In secondo piano, con un secondo punto di fuoco, mostra un episodio accaduto precedentemente, quando il servo ha fatto vedere la testa ad Erodiade, moglie del suo fratellastro, la cui figlia, Salomè, incanta con la sua danza Erode stesso. Sicuramente una delle novità più rappresentative dell'opera è la nuova concezione riguardante la correlazione distanza temporale = distanza temporale, perché nel periodo precedente ad ogni avvenimento corrispondesse una singola scena/opera. Le scene ritratte sono relativi ad episodi raccontati nei Vangeli di Matteo e Marco. Lo spazio dell'opera sembra essere un "non finito", palese riferimento alla tecnica artistica fiamminga.
Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email