Concy_x di Concy_x
Ominide 611 punti

Donato Di Bardi, detto Donatello, durante il suo cosiddetto Decennio Padovano (permanenza a Padova di dieci anni dal 1443 al 1453) lavorò a due sue opere scultoree: l'Altare del Santo per la Basilica di Sant'Antonio e il Monumento Equestre al Gattamelata.
L'Altare del Santo è posto al centro della Basilica di Sant'Antonio a Padova ed è databile tra il 1446 e il 1453. Esso comprende un ricco patrimonio scultoreo in bronzo che comprende sette statue a tutto tondo, cinque rilievi maggiori e cinque rilievi minori.
I personaggi raffigurati sull'altare sono i seguenti: al centro, la Maestà (Madonna in trono con Bambino in cui la Madonna è rappresentata quasi come una principessa egiziana ma al contrario il bambino è realistico e sembra muoversi) e ai lati i santi Antonio, Francesco, Daniele, Giustina, Prosdocimo e Ludovico (si indicano solitamente i più importanti, Antonio e Francesco, nominando raramente gli altri ai loro lati, considerati minori).
I bassorilievi in basso rappresentano e narrano episodi dell'Antico e del Nuovo Testamento e, questa volta in scultura, vengono applicati a pieno gli stilemi della pittura rinascimentale. Il pannello in bassorilievo più importante è sicuramente la Deposizione del Cristo, l'unico rilievo non in bronzo ma in pietra calcarea scurita e inserti policromi.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email