blakman di blakman
VIP 9176 punti
Questo appunto contiene un allegato
Peterzano, Simone - Deposizione nel sepolcro scaricato 1 volte

La Deposizione nel sepolcro

Una delle più belle tele dipinte dall'artista è la Deposizione nel sepolcro (1575-80). In primo piano giace il corpo livido e abbandonato di Cristo, ma quasi non toccato dalla morte: le carni appaiono sode e la muscolatura tonica, nonostante l'addome incavato. E' sostenuto alle spalle da Nicodemo, mentre la Maddalena ne reca al viso una mano in un gesto di dolce afflizione. Lo stesso petetismo contenuto presentano la Vergine e le pie donne e dietro di loro san Giovanni, affiancato da Giuseppe d'Arimatea, che apre le braccia e alza gli occhi al cielo in segno di accettazione della volontà divina; sul fondo a destra la Veronica regge la miracolosa immagine del viso di Gesù (iconografia non comune nelle Deposizioni). In questo dipinto, che ebbe grande fortuna, l'autore si firma allievo di Tiziano e presenta gli influssi della pittura di Veronese nella solidità dei volumi e nella sinuosità dei colori e quelli di Tintoretto nella resa veloce delle figure nel buio di fondo. Sono tuttavia presenti le regole stilistiche e i modelli figurativi della cultura milanese della Controriforma, per esempio nella raccolta disposizione a esedra dei personaggi, nella gestualità chiara e teatrale ma calibrata e soprattutto nell'uso della luce che violentemente definisce ogni singola figura ed evidenzia il biancore del sudario.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email