blakman di blakman
VIP 9176 punti

Antonio Canova, Amore e Psiche

Celebre è il gruppo marmoreo di Amore e Psiche, soggetto tratto da una favola dello scrittore latino Apuleio. Canova vi rappresentò il momento in cui Amore abbraccia Psiche, caduta in un sonno profondo dopo aver aperto, senza permesso, un vasetto destinato a Venere: era l’ultimo prova che la fanciulla, colpevole di aver suscitato la gelosia di Venere, avrebbero dovuto superare per potersi ricongiungere con Amore e, divenuta dea a sua volta, salire all’Olimpo. L’artista scelse di fermare l’istante prima del bacio tra i due amanti, il momento cioè di altissima tensione erotica che precede l’esplodere delle passioni. Il disegno compositivo è molto complesso, ma allo stesso tempo bilanciato negli equilibri. Psiche, semidistesa, rivolge il viso e le braccia verso l’alto, mediante un lieve avvitamento; Amore, invece, si appoggia sul ginocchio sinistro e si inarca per avvicinarsi alle labbra dell’amata. Eseguita in marmo bianco, la scultura ha una superficie così levigata e liscia da apparire quasi trasparente e impalpabile. La luce tocca la materia senza accesi contrasti, soffusamente, infondendo leggerezza e grazia alle due figure.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email