Ominide 1312 punti
Questo appunto contiene un allegato
Brunelleschi, Filippo - Cupola di Firenze scaricato 21 volte

BRUNELLESCHI
Cupola di Firenze

La cupola è ottagonale generata da un arco acuto, ha una copertura in mattoni e ha costoloni in pietra bianca. È un esempio rivoluzionario di architettura, poiché nessuna cupola era mai stata costruita con un tale diametro e una tale altezza. È realizzata con due involucri murali: la parte interna è più acuta, mentre la parte esterna è più arrotondata. Le due parti si sostenevano e consentivano di realizzare la cupola senza problemi statici. Un sistema di scale tra i due muri consente di raggiungere tutti i punti della cupola per la manutenzione.
Molti problemi poteva generare una cupola così vasta, per l'attrito con l'aria. Brunelleschi, attraverso aperture, riuscì a indirizzare l'aria senza conseguenze per la struttura; ideò e progettò gru, argani e leve per sollevare i materiali e consentire la realizzazione di questa nuova architettura. Fece realizzare impalcature aeree (non ancorate a terra) e fece lavorare gli operai senza sosta sulle impalcature. È noto che a seguito delle dure condizioni di lavoro morirono molte persone e vi fu un tentativo di grande sciopero.

La cupola è simbolo della volta celeste e anche della perfezione divina. Nel Rinascimento l'attenzione degli architetti è rivolta a questa parte architettonica che costituisce una sfida ingegneristica e al tempo stesso è simbolo delle capacità umane. Le cupole delle cattedrali sono simbolo della potenza della città che rappresentano.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email