blakman di blakman
VIP 9176 punti
Questo appunto contiene un allegato
Arcimboldi, Giuseppe - Ritratto di Rodolfo II come Vertumno scaricato 20 volte

Giuseppe Arcimboldo - Il ritratto di Rodolfo II come Vertumno

Creatore di apparati effimeri per feste e spettacoli e procacciatore di opere d’arte per le collezioni imperiali, Giuseppe Arcimboldi fu soprattutto famoso per i suoi ritratti caricaturali in cui le fattezze sono composte da un insieme di ortaggi, frutti, fiori, ma anche conchiglie, pesci o pezzi di carta, un genere che ebbe grande successo perché rinnovava con ironia le nature morte di origine nordica. Lavorò per Massimiliano II a Vienna, dal 1526, e poi per Rodolfo II a Praga, e anche quando lasciò la corte asburgica per tornare in Italia, continuò ad inviare opere a Praga. Tra queste è il celebre ritratto di Rodolfo II come Vertumno (1590), dio latino delle mutazioni periodiche e delle stagioni ,dotato del dono di trasformarsi nel tempo e nello spazio (il nome deriva dal latino vertere, ”cambiare”), a simboleggiare le capacità dell’imperatore di rinnovare attraverso il suo buon governo la perduta età dell’oro. Ogni fiore, frutto o verdura è assolutamente realistico e tangibile, mentre il risultato d’insieme appare stravagante e innaturale, fantastico. E’ l’essenza del Manierismo, nell’arte come nella poesia: combinare elementi naturali o tratti da una tradizione autorevole e classica per ottenere un’opera nuova, eterogenea, cerebrale e marcatamente artefatta.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email