Neoimpressionismo

Nacque a Parigi tra il 1884 e il 1886 dall’incontro di Georges Seraut e Paul Signac.
I due condivisero il desiderio di innovare e la fiducia nella scienza secondo lo spirito positivista. Entrambi si basarono:
- Sugli studi ottici di Chevreul, che aveva scritto La legge del contrasto simultaneo dei colori: quando si accostano due colori, ognuno tende a proiettare sull’altro il proprio complementare aumentando la rispettiva luminosità.
- sulle teorie della mescolanza ottica del fisico Rood: avvicinando linee o punti di colore diverso e osservandoli a distanza, gli occhi percepiscono una sola tonalità essendo ricomposta sulla retina un’unità cromatica.
 Questi presupposti portarono Seraut a usare colori puri, senza mescolarli.

Seraut e Signac rifiutarono sempre la definizione di “puntinisti” o di “coriandolisti”, termini usati in senso negativo dalla critica. “Il neoimpressionismo non puntina, ma divide”

Seraut

Un bagno ad Asnières: opera eseguita all’aperto e in atèlier rifiutata dalla giuria del Salon Ufficiale ed esposta al Salon des Indépendants nel 1884. La tela aveva le dimensioni di un quadro storico, nonostante tratti una scena ordinaria della vita contemporanea parigina: una domenica in periferia, con in primo piano il momento di svago di alcuni operai lungo la Senna e in lontananza il ponte ferroviario e il profilo industriale della cittadina di Clichy.
Caratteristiche dell’opera: immobilità e silenzio, disegno rigoroso che costruisce volumi e spazi, ordine geometrico, perfetta armonia delle linee. La luminosità è ottenuta dall’alternanza di colori puri in contrato ( incarnati e azzurro dell’acqua, bianco e marrone) e rapidi tocchi intrecciati (l’erba è un fitto reticolo di virgolette). Il berretto del ragazzo in acqua delineato da puntini gialli e azzurri evidenzia lo stile neoimpressionista.
Una domenica pomeriggio all’isola della Grande Jatte: opera eseguita a partire da schizzi dal vero e rielaborata in atèlier. La scena è ambientata sulla sponda opposta della Senna, in giardini pubblici frequentati nelle domeniche di primavera dalla borghesia parigina.
La struttura è rigorosa e ogni dettaglio è unificato da luce e simmetrica rispondenza dei colori: alla tonalità verde scuro in primo piano corrispondono le chiome degli alberi, mentre al centro si apre una superficie illuminata la cui profondità è definita dal succedersi delle ombre.
Le figure sono assolutamente immobili anche se colte nell’atteggiamento di camminare. Ma hanno soprattutto una identica posa: sono tutti o di profilo o in vista frontale. Ciò dà loro un carattere quasi irreale che ricorda inaspettatamente la pittura egizia. Le figure vengono definite da un contorno ben evidente; hanno una resa decisamente chiaroscurale; lo spazio appare del tutto nitido e messo a fuoco. In sostanza, questo quadro è decisamente diverso rispetto alle tele impressioniste dove tutto è vagamente indefinito e mobile, dove il chiaroscuro era stato del tutto eliminato per ricorrere unicamente al contrasto tonale. La miriade infinita di punti necessari a ricoprire una tela di tali dimensioni ha richiesto oltre due anni di lavoro. Anche in ciò il pointillisme di Seurat andava in direzione opposta rispetto all’impressionismo. Alcuni dei tratti caratteristici della pittura impressionista erano proprio la velocità di esecuzione.

Caratteristiche: immobilità eterna e sospensione temporale.

Nel 1891 Seraut morì a poco più di trent’anni dopo l’inaugurazione della 7° mostra degli artisti indipendenti dove fu esposta la sua ultima opera rimasta incompiuta

Il circo: evidenzia il nuovo interesse per l’espressività emotiva di linea e colore. La presenza di zig-zag e di dettagli ornamentali da contorni dinamici (acconciature, coda del cavallo, frusta, il costume del clown di spalle) testimoniano la modernità di Seraut, vicina al gusto decorativo dell’Art nouveau. Rigorosità geometrica e forme stilizzate testimoniano il distacco dal naturalismo e dalla pittura impressionista.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email