cb.rr95 di cb.rr95
Ominide 830 punti

La scapigliatura lombarda

Negli anni Sessanta e Settanta a Milano prese forma il movimento della Scapigliatura che raccoglieva artisti accomunati da uno stato d’animo di protesta nei confronti della società conservatrice e conformista. Il gruppo era caratterizzato dal ribellismo,dal rifiuto per la tradizione. In pittura spiccarono figure come Cremona e Ranzoni che seppur diversi erano accomunati dall’anticonformismo e dal rifiuto per l’arte accademica sia nel linguaggio che nei contenuti. Il loro scopo non era quello di descrivere l’apparenza delle cose e delle persone ma quello di indagare il loro mondo interiore restituendone le impalpabili atmosfere e suscitando suggestioni indefinite. Gli strumenti furono un accentuato cromatismo ,l’uso della luce soffusa,la fusione del soggetto con lo sfondo. Cremona dimostrava la sua insofferenza er il clima realistico dominante attraverso la ricerca di atmosfere indefinite. Il mondo ritratto da Cremona è comunque quello della vita contemporanea e della società borghese che meglio lo rappresentava.Ranzoni invece si mantiene fedele alla forma plastica e al rigore della composizione. Mancò però l’interesse per i soggetti allegorici e romantici tipici di Cremona e si volse quasi esclusivamente al ritratto femminile e infantile.In scultura spiccò Grandi ,la cui opera maggiore sarà Monumento alle cinque giornate di Milano ,che si caratterizza per il rifiuto della retorica celebrativa ufficiale ma non per questo priva di pathos. Nell’opera vengono rappresentate cinque donne chiamate a rappresentare il coraggio popolare .

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email