Ominide 1060 punti

Il bacio - Gustav Klimt

I volti dei protagonisti sono sempre veri, come le mani e i piedi; il resto va verso l’astrazione; i vestiti sono delle tuniche molto semplici e dritte, più naturali rispetto agli abiti dell’epoca. Tutto è dorato, quindi l’amore fra i due è quasi sacro. Sono sopra un prato fiorito e sembrano in bilico (l’equilibrio di una coppia si regge su un precipizio). L’abbraccio fra i due descrive differenze di personalità fra l’uomo e la donna nell’amore. L’uomo in questo abbraccio tiene stretta la donna, è più possente; c’è l’enfatizzazione delle mani più grandi di lei che la stringono forte; un’idea più di possesso; anche il collo è più grande. La donna ha un’aria più dolce e più di abbandono. Gli abiti descrivono la personalità: l’uomo ha l’oro con rettangoli soprattutto neri (più razionale e calcolatore) e la donna ha cerchi colorati insieme all’oro (più fantasioso e sentimentale). Klimt non dà un giudizio, ma parla della diversità dell’uomo come più razionale, pratico e calcolatore, mentre la donna dà più importanza al colore e alla creatività.
Gustav Klimt, insieme all'architetto Joseph Maria Olbrich, è il massimo esponente della secessione viennese, movimento che vuole in qualche modo essere l'equivalente dell'art nouveau in Austria. Gli artisti appartenenti a questo movimento si insediano in un padiglione realizzato da loro stessi.
Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email