Sapiens 9248 punti

P. Gauguin: Arearea (1892)

Gauguin, inizialmente agente di cambio, si dedicò completamente alla pittura dopo un rovescio finanziario del 1882. Attirato dalla semplicità delle culture primitive e dai paesaggi immacolati, soggiornò a lungo a Tahiti, nella Polinesia francese, dove condivise la cultura delle popolazioni autoctone. Le sue tele sono popolate di donne circondate da una natura che ricorda il paradiso terrestre. Invece di riprodurre l’aspetto esterno della realtà, Gauguin si pone l’obiettivo di descrivere l’essenza delle cose, l’intensità dei sentimenti ed il significato profondo di un tema. Elimina i dettagli e semplifica la forma, segna in modo netto i contorni ed estende il colore sotto forma di larghe zone di contrasto.
Nella tela “Arearea”, rappresenta due donne sedute sull’erba all’ombra di un albero: una giuoca con un flauto e l’altra rivolge verso lo spettatore uno sguardo intenso ed un po’ sorpreso. Sul suo vestito bianco, ombre colorate disegnano le pieghe del tessuto e il volume del corpo. Altri elementi dell’opera sono:

1) Sullo sfondo, tre donne in adorazione di Hina, la dea della luna, rappresentata da una grande scultura di pietra. I suoi contorni sono delimitati da una linea sottile in cui la tela non è colorata.
2) Il cane dai colori poco naturali ritorna in parecchia opere di Gauguin. Secondo alcuni critici, esso sarebbe il simbolo del genio del male
La profondità spaziale del quadro è data dalla differente grandezza dei vari elementi della composizione. Tuttavia, essa tende ad essere quasi annullata dall’uso quasi piatto dei colori. Infatti essi sono leggermente sovrapposti ed il contorni degli oggetti sono segnati da piccoli tratti scuri. L0’insieme ha un valore decorativo accentuato dalla scelta dei colori e dall’eliminazione della maggior parte delle ombre.
In basso, a destra, Gauguin ha scritto il titolo del quadro “Arearea” che significa gioiosità. La tela è esposta al Musée D’Orsay, a Parigi.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email