Ominide 445 punti

Art nouveau

L’industrializzazione della seconda metà del XIX secolo non portò i risultati sperati, perché le numerose attività artigiane andarono a morire per la concorrenza spietata dell’industria. Gli artisti sentivano la necessità di un cambiamento radicale che riportasse gli artigiani al loro prestigio originale.
Fu William Morris a fare il primo passo in tale direzione: egli, nel 1861, diede vita alla ditta Morris, Marshall, Faulkner & Co., che produceva per lo più elementi d’arredamento e di decorazione. Egli vuole tornare all'artigianato per progettare in modo migliore l'ambiente domestico creando armonia e qualità stilistica, ma, data l’alta qualità della sua produzione, finiva sempre per rivolgersi a una ristretta cerchia di persone. Tuttavia, si può dire che Morris abbia dato vita al movimento del decorativismo, il presupposto dell’Art Nouveau.

L’Art Nouveau si sviluppò agli inizi del ‘900 e rappresentava la risposta artistica al disagio del proprio tempo; essa vuole rompere con la tradizione e l'ecletticismo che si fondano sul passato. Il termine indica proprio i contenuti innovatori che si volevano esprimere. Essa si sviluppa in modo diverso in ogni paese d’Europa e prende diversi nomi (Modern Style, Liberty, Jugendstil, Modernismo). La presenza di tanti nomi ci fa capire la diffusione e la dimensione del fenomeno.
L’Art Nouveau è presente in numerosi campi (arredamento, settore tessile, pittura, grafica ecc.); in generale, si prediligono forme morbide e sinuose, derivate dalla natura e reinterpretate in chiave decorativa.
- Stile
• linee morbide, sinuose e avvolgenti
• soggetti ispirati alla natura
• colore steso planimetricamente, delineato da un contorno nero
• soggetti ripetuti a creare motivi decorativi stilizzati (decorativismo floreale)
Gustave Klimt
Gustave Klimt nacque a Baumgarten nel 1862 e morì nel 1918 e fu uno dei maggiori promotori della secessione viennese e il più importante autore dell’Art Nouveau.
Ricevette un insegnamento essenzialmente basato sullo studio del nudo e dell’ornato e si esercitò sui soggetti tipici dell’arte rinascimentale. Con il tempo, il disegno di Klimt cambia considerevolmente, giungendo ad un linearismo essenziale dal forte gusto decorativo.
Klimt vuole creare un nuovo modo di esprimersi rispetto a quello accademico.
Periodo d’oro 1905-1909: uso della foglia d’oro e specchi, effetto mosaico
- La Giuditta 1901 – Vienna
Il soggetto è biblico e rappresenta l’eroina Giuditta con in mano la testa mozzata di Oloferne, che appena si intravede. Il corpo seminudo dell’eroina, appena coperto da un sottile velo, e il potere incantatore dello sguardo sono un inno alla bellezza femminile: il corpo è quasi snodato, proteso verso sinistra e costretto in una cornice lunga e stretta; gli occhi sono socchiusi e le labbra dischiuse, in atteggiamento quasi di sfida. L’incarnato è reso in modo realistico a differenza del resto che rispecchia lo stile Liberty. Il disegno è rigoroso ed armonico, arricchito da un preziosismo quasi gotico. L’uso del colore vuole sottolineare gli effetti di trasparenze; non c’è linea di contorno e il corpo di Giuditta quasi si confonde con lo sfondo. A rendere il dipinto ancora più prezioso interviene il fondo oro, su cui insiste un motivo geometrico.
- Ritratto di Adele Bloch-Bauer 1907 – Vienna
L’opera non appartiene più al periodo d’oro e raffigura la signora Bloch-Bauer, moglie di un ricco industriale viennese. L’uso della foglia d’oro lascia il posto a un fondo che pare pulviscolo dorato e che rende ancora di più l’idea di una superficie a mosaico. Il formato quasi quadrato della tela sottolinea la centralità dell’immagine, in cui l’artista fonde caratteri naturalistici bidimensionali (volto, spalle, mani) e un esuberante decoro tridimensionale. La figura si fonde con la tappezzeria della poltrona, il cui schienale crea una sorta di aureola attorno al busto della giovane. Klimt ricorre al motivo dell'occhio egiziano all'interno di un triangolo che allude all'occhio che può vedere tutto.
- Il bacio 1907-1908 – Vienna
Quest’opera è dipinta su tela con decorazioni e mosaici color oro sullo sfondo. L’uomo in piedi si piega per baciare la donna inginocchiata sul prato tra i fiori che sembra accettare il bacio, partecipando emotivamente. La dominante donna fatale qui si sottomette all’uomo. L’artista combina modalità di rappresentazione realistiche nel volto e nelle braccia a modalità astratte e geometriche nei corpi e nello sfondo. Colori distesi in modo piatto e uniforme. La faccia della donna è racchiusa fra le mani dell’uomo. Le forme geometriche sono allusive: sul vestito dell’uomo vi sono raffigurati dei rettangoli posizionati in verticale, sul vestito della donna sono raffigurati dei cerchi concentrici; le due forme geometriche ricordano rispettivamente gli organi sessuali di entrambi. Klimt ha vestito i suoi personaggi con la lunga tunica che egli stesso era solito portare. La coppia è contornata da un’aurea dorata che la isola dal resto del mondo e li astrae.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email