blakman di blakman
VIP 9176 punti
Questo appunto contiene un allegato
Giovanni da Milano - Storie della Vergine scaricato 0 volte

Storie della Vergine

Giovanni da Milano, di origine comasca e probabilmente formatosi nella Milano viscontea ai tempi del soggiorno di Giotto, fu attivo a partire dal quinto decennio del Trecento a Firenze, dove in Santa Croce affrescò la cappella Rinuccini con le Storie della Vergine. Giovanni sviluppa qui la componente narrativa e realistica del maestro. La Nascita di Maria è raccontata come un evento quotidiano e il fedele è coinvolto nell’intimità familiare della camera da letto dove Anna ha appena partorito Maria e si lava le mani, mentre le ancelle che accudiscono la neonata e recano panni puliti hanno profili diversi, che sembrano presi dal vero (dato non scontato in un’epoca in cui il ritratto non era diffuso). Tutto rimanda alla realtà contemporanea, come le bellissime vesti, le acconciature e i gesti naturali e quotidiani. Le figure di Giovanni sono solide, ma senza che questo implichi una ricerca di volumi geometrici, e i colori sono luminosi e delicati. Nell’attenzione ai particolari e alle relazioni tra i personaggi, nonché nella gamma cromatica, nella linea fluente dei contorni e nell’eleganza delle figure sono riconoscibili le premesse del Gotico internazionale,che si sarebbe sviluppato dopo qualche decennio.

Hai bisogno di aiuto in Medioevo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email