Sapiens Sapiens 15310 punti

Campo dei Miracoli (Pisa) - Descrizione


Il Campo dei Miracoli di Pisa (detto anche Piazza dei Miracoli) è un vero e proprio monumento costituito da quattro edifici: il Battistero, il Duomo, la Torre Campanaria e il Camposanto che sorgono in mezzo ad un prato erboso. Il luogo non fu pensato come punto di incontro fra i cittadini dato che si trova in posizione periferica rispetto alla città, ma come opere a se stante, dal forte significato simbolico che riassume tutta l’esistenza dell’uomo: la nascita (il Battistero), la vita (il Duomo e la Torre), la morte (il Camposanto) Aveva anche lo scopo di glorificare la potenza di Pisa, città marinara che nei secoli XI e XII era diventato un centro commerciale con tutto il Mediterraneo.
Il Duomo è stato il primo edificio ad essere costruito, iniziato nel 1063 con il bottino ricavato dalle vittorie sul mare. L’edificio presenta elementi classici ed orientali e alcuni spunti che preannunciano lo stile gotico, come prova che a Pisa, in quel tempo, circolavano culture diverse. Sulla navata centrale si affaccia un matroneo arricchito da bifore. Sia l’interno che l’esterno è rivestito di lastre marmoree bianche e nere che si alternano in modo raffinato. Una caratteristica che non trova riscontro nell’architettura europea del momento è che l’altezza del transetto è inferiore a quella delle navate. Il disegno architettonico esterno ha dei precisi riferimenti con la classicità romana e tale richiamo fa supporre una precisa valenza ideologica: la sovrapposizione della recente potenza pisana con quella antica di Roma. In tale ottica, furono recuperati e reimpiegati antichi frammenti presenti sia all’interno che all’esterno.
Il Battistero è stato costruito in epoca posteriore; fu iniziato nel 1153 e terminato solo duecento anni più tardi. A pianta circolare, l’esterno presenta, nella parte inferiore, una serie di arcate cieche, mentre la parte superiore è arricchita da cuspidi ed altre decorazioni, il cui autore è Giovanni Pisano e che ci fanno pensare ad un’anticipazione dello stile gotico.
Il campanile ha una base circolare e in basso è decorato con arcate cieche come nel Duomo e il Battistero. Quindi la torre si innalza con sei piani di archi a tutto sesto, percorribili, sormontati da una torre campanaria. A causa del cedimento della falda freatica, i lavori furono sospesi e ripresi più volte, tanto è vero che fra l’inizio e il termine dell’opera intercorsero duecento anni.
Il Camposanto è stato pensato tenendo come modello un chiostro. All’interno sono conservati dei sarcofagi di epoca romana a cui si inspirò lo scultore Nicola Pisano.
Hai bisogno di aiuto in Medioevo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email