blakman di blakman
VIP 9176 punti

Gli affreschi di Sant'Angelo in Formis

Gli affreschi del portico e dell'interno della Chiesa di Sant'Angelo in Formis furono realizzati tra il 1072 e il 1078 da maestranze italiane ma formatesi sulla pittura bizantina. Nel catino absidale è rappresentato Cristo in maestà seduto sul trono, sormontato dalla colomba dello Spirito Santo e affiancato dai simboli degli evangelisti; nel registro inferiore vi sono i tre arcangeli Gabriele, Michele e Raffaele tra l'abate Desiderio che offre il modellino della chiesa (a sinistra) e san Benedetto che regge il libro della sua Regola monastica (a destra). Le pareti della navata centrale sono divise in tre registri con le storie della vita di Cristo, mentre nei pennacchi degli archi sono dipinti Profeti e una Sibilla, profetessa pagana che aveva vaticinato la venuta di Cristo. In controfacciata, il Giudizio Universale con angeli, santi e sante monache ammoniva il fedele che usciva dalla chiesa con la rappresentazione dell'Inferno e lo rassicurava della Resurrezione. Sono presenti chiari riferimenti alla pittura greco-bizantina: lo schematismo geometrico delle fitte pieghe lineari e senza volume nelle vesti, le ombre create da tratti affiancati di tinte digradanti ma non sfumate, i contorni marcati, i volti con grandi occhi preparati su fondo verdastro. Si osservano tuttavia anche elementi tipicamente italici, come la vivacità cromatica e la spontaneità delle scene narrative.

Hai bisogno di aiuto in Medioevo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email