blakman di blakman
VIP 9176 punti

Maronide

L'arte ellenistica eccelle nella rappresentazione realistica della decadenza del corpo umano. Un filone particolare è costituito dallo studio degli effetti dell'ubriachezza, di solito raffigurati in persone anziane: l'analisi quasi spietata dell'invecchiamento si intreccia così con il carattere sacro attribuito al potere del vino, legato al culto del dio Dionisio. La statua Maronide raffigura un'anziana donna amante del vino, tipica figura citata dai poeti: la vecchia abbraccia un otre pieno di vino, decorato da tralci di edera, cullandolo come se fosse un bambino, e sorride in preda all'estasi dell'ubriachezza, con lo sguardo rivolto verso l'alto. La rappresentazione quasi compiaciuta della decadenza fisica, evidente nel volto e nelle spalle lasciate nude dalla veste caduta, non deve però essere interpretata come un'espressione di decadenza morale: l'estasi dionisiaca non era condannata come dipendenza dall'alcol, ma veniva considerata un modo per entrare in contatto con il dio.

Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove