pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti
Vita Constantini – Immagine di Costantino

Secondo Eusebio l’immagine di Costantino presente sulla porta d’ingresso del palazzo presenta sopra la testa un chrismon (una croce) e ai piedi (suoi e dei suoi figli) un drago pestato, come trasposizione della lotta contro il maligno (aver liberato la città dal paganesimo); in realtà questa scena, che per tutti ha poi assunto la cristiana simbologia di San Giorgio e il drago, non è altro che una scena di calcatio, ovvero la riproduzione della disfatta di Licinio del 324, posta sulla porta con l’intento mostrare a tutti la sua grandezza, mentre Eusebio intende presentare una città completamente cristiana e Costantino come il primo vero imperatore cristiano. Costantino permette a pagani e cristiani di convincersi che è tollerante verso entrambi e che per lui va bene leggere questa grande scena sia come una scena cristiana, sia come una tradizionale calcatio: in entrambi i casi è una scena che dimostra il suo potere e la sua vittoria, questo è quel che conta. Costantino stesso disse che nel fondare Costantinopoli «fu Dio ad ispirarlo» (Vita Constantini), sebbene lascia ai sudditi la libertà di scegliere di quale Dio si trattasse: anche il paganesimo alla fine del IV secolo parlava di una divinità cosmica, una sola, che governata il mondo (da alcuni chiamato Apollo, da altri Sole), così i cristiani, intorno alla fine del III secolo e i primi del IV, per avere seguito fra i pagani rappresentavano Cristo radiato (con gli stessi raggi che normalmente indicavano Apollo ed il Sole); proprio ad Apollo Costantino aveva fatto un ultimo culto prima di arrivare a Roma: ancora oggi, gli studiosi protestanti mettono in evidenza questa persistenza del culto solare apollineo nella documentazione di Costantino, che ancora a Costantinopoli vuole essere rappresentato con una colossale statua radiata al centro del foro (di fatto, quello solare-apollineo il culto sincretistico che di fatto predominava, a cui attingevano sia cristiani che pagani in una sorta di tolleranza reciproca).
Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove