Ominide 1919 punti

Sparta - Origini della città


Nel 1200 i Dori invasero la Laconia, l’invasione fu violenta e sanguinosa e le popolazioni conquistate nutrirono sempre forti sentimenti di ostilità. Gli spartani furono costretti a creare un regime di governo, che controllasse le popolazioni assoggettate. Essi erano liberi dalle preoccupazioni materiali e trascorrevano l’intera esistenza ceduti all’esercizio delle armi. Un oligarchia guerriera governò per secoli su una massa inerme di sudditi. Riguardo l’educazione, era affidata allo stato, secondo il quale i neonati fragili o i figli malati dovevano essere lasciati morire e il resto doveva essere portato nelle caserme. Già all’età di dodici anni cominciava l’addestramento militare e alla fine attraverso una prova di coraggio i ragazzi dovevano dimostrare di essere dei bravi soldati. Nell’ambito sociale la gerarchia era rigidissima e gli spartiati erano gli unici ad essere liberi e a godere di diritti in quanto erano discendenti degli antichi Dori e la loro vita era scandita da rigide regole, inoltre l’unica cosa a
cui aspiravano era l’onore militare. A Sparta non ebbero mai bisogno di mura difensive, dato il loro esercito, ovvero il più potente della Grecia. Dopo gli spartiati c’erano i perieci, che non risiedevano nella città, ma in dei villaggi e affiancavano gli spartiati in guerra. Al gradino più basso c’erano gli iloti ovvero i servi della gleba, che lavorano per il padrone a cui erano assegnati ed erano numerosissimi per questo anche pericolosi per la stabilità dello stato. La donna era libera dall impegno dei figli e cercava di mantenere la forma fisica necessaria per una buona gravidanza il suo stile di vita era improntato sulla semplicità e l’essenzialità. Nell’ordinamento giuridico spartano vi erano quattro istituzioni: la diarchia, ovvero il governo di due re, che svolgevano funzioni sacerdotali, giudiziarie e militari, la gerusia, ovvero un ristretto consiglio di anziani, che acquistò sempre maggior potere, l’apelia, cioè l’assemblea popolare di cui facevano parte tutti gli spartiati oltre i trent’anni, gli efori, cioè cinque magistrati che vigilavano sulla disciplina dei cittadini.
Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email