Sapiens Sapiens 13857 punti

Antica Roma – I viaggi e la villeggiatura


Per quanto i viaggi non fossero mai stati di facile attuazione, i Romani non hanno esitato a compiere frequenti e lunghi spostamenti. All’epoca esistevano già delle carte geografiche e dei manuali assimilabili alle guide moderne.
Si viaggiava a cavallo, con un veicolo portatile (sella gestatoria), con veicoli trainati, per via marittima
Le portantine erano attrezzate in modo tale che la persona trasportata, distesa su dei cuscini, potesse scrivere. Esse erano portate da robusti schiavi e durante l’ Impero anche da liberti o da persone povere. Come i cavalli anche le portantine potevano essere prese in affitto. I veicoli potevano essere trainati da due op quattro cavalli, essere a due o a quattro ruote. Per un viaggio via mare ci si poteva rivolgere ad una nave commerciale a meno che la persona non fosse abbastanza ricca da possedere un’ imbarcazione personale (triremis lusoria)
Per le tappe esistevano dei punti di sosta, chiamati mansiones o caupones, ma non erano ben attrezzate ed in genere erano utilizzate solo dai viaggiatori più poveri. I più ricchi si facevano ospitare da amici (jus ospiti, hospitium), oppure passavano la notte all’interno del veicolo o sotto una tenda. I personaggi che ricoprivano incarichi ufficiali e quindi di prestigio disponevano di punti di sosta e di ristoro appositamente attrezzati per loro gestiti dai parochi, (fornitori, pagati dallo Stato per provvedere al vitto e alloggio dei magistrati in viaggio)
I Romani conoscevano la villeggiatura estiva ed i più ricchi praticavano anche quella invernale. Molti possedevano la loro villa personale in Campania, in mezzo ad una proprietà che si estendeva a perdita d’ occhio, con possibilità di praticare la caccia e la pesca.
D’estate le mete preferite erano i Monti Albani ed i laghi della zona, oppure Tibur (odierna Tivoli) o Tusculum. D’inverno la città più gettonata era Taranto. Le città della costa campana (Cuma, Baia, Hercolanum, Pompei, ecc.) erano frequentate tutto l’anno per il clima e per le bellezze naturali.
I Romani prediligevano anche alcuni paesi lontani, soprattutto la Grecia. Il viaggio in Grecia era una regola per i giovani di buona estrazione sociale: compiuti 18 anni, si recavano in Grecia (Rodi o Atene) per completare i propri studi. Sappiamo, per esempio, che Ottavio completò i suoi studi ad Apollonia, nell’ Illiria.
Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email