pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Roma antica - Gentes, clienti e plebei


Conosciamo le gentes (l’insieme di più famiglie all’interno di clan tribali) delle tribù che abitavano l’Italia centrale fin dall’VIII secolo perché in età storica si faceva riferimento ai propri antenati; in queste gentes non esisteva un Pater gentis, quanto piuttosto un Pater familias, ovvero l’antenato comune di più famiglie . Tali genti emergono e sono visibili nelle sepolture perché diedero luogo a differenziazioni sociali: solo alcuni poterono lasciare corredi importanti (gioielli, armi da parata). Ogni gens aveva un proprio culto, oltre che un proprio nomen, in quanto si attribuiva un progenitore divino ; se alcuni culti (come quello di Ercole ) divennero molto durevoli e duraturi è perché alcune potenti famiglie cominciarono a costruire templi pubblici in onore di questi eroi, oltre al sacello privato. Oltre al proprio culto, ogni gens aveva le proprie terre; i diversi villaggi erano pilotati da un certo clan gentilizio che si estendeva su un determinato territorio, che possedeva molto bestiame e diversi clienti . Probabilmente i clienti erano membri di genti depauperate (da qualunque causa nel mondo arcaico possa aver rapidamente determinato il declino di una gens ); tali genti depauperate avevano evidentemente perso la capacità di sopravvivere individualmente e dunque chiedevano di diventare clienti ad un’altra gente più ricca: essa avrebbe così accresciuto la propria importanza ed il numero dei propri elementi. Non necessariamente i clienti erano poveri: la loro condizione era legata ad un insieme di fattori diversi e molto eterogenei; il rapporto patronus-cliente verrà regolato nelle Leggi delle XII tavole, il più antico codice legislativo creato a Roma. I clienti avevano diritto all’assistenza giudiziaria del patronus, che non li poteva ingannare, ma avrebbero dovuto riscattarlo se fosse stato fatto prigioniero in guerra; pertanto essi potevano possedere grandi patrimoni, pur non possedendo né un nomen, né la protezione di una gente. I clienti si erano dati in fidem , cioè avevano giurato fedeltà a chi li aveva accolti scommettendo sul fatto che sarebbero rimasti fedeli ; dunque, gentes e clienti costituivano le strutture portanti di questa società arcaica. Diversamente dai clienti, si tende a concepire la plex come un insieme più ampio di elementi, che comprendeva anche i clienti ma non si identificava totalmente con essi: i plebei sono il frutto del futuro accrescimento demografico ed urbano di Roma, che avviene quando anche il tipo di monarchia cambia (come durante la fase etrusca della monarchia, quando ci saranno trasferimenti volontari o coatti da altre popolazioni vicine ed eterogenee).
Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove