Ominide 16918 punti

Roma: dai 7 colli all’Impero

Roma al tempo dei re: Dal primo villaggio sul colle palatino, presso il Tevere, a poco a poco si formò una città, Roma, che controllava i traffici sul fiume e quelli via terra tra le città etrusche, a nord, e le città della Magna Grecia, a sud. Ben presto i combattivi Romani allargarono il loro territorio, vincendo i vari popoli del Lazio. All’inizio Roma fu governata da re, che, secondo la tradizione, furono in tutto sette. Tra questi ricordiamo: Anco Marzio, fondatore di Ostia, che poi divenne il porto di Roma, e Servio Tullio, che fece costruire una cinta di mura a difesa della città. I potenti e ricchi Etruschi influenzarono la vita politica, religiosa e culturale dei primi Romani: anche gli ultimi re furono etruschi. Cacciando il re Tarquinio, detto il Superbo, i Romani si liberarono del dominio etrusco: iniziò così il periodo della Roma repubblicana, che durò ben 500 anni. Secondo la leggenda, Roma fu fondata da Romolo e Remo, figli del dio Marte. Si racconta che i due gemelli fossero allattati da una lupa; per questo il simbolo di Roma è quello della lupa con sotto i due gemellini. Quando? La linea del tempo indica il tempo della durata dell’impero romano: da circa il 753 a.C., anno della leggendaria fondazione della città, al 476 d.C., anno della fine dell’Impero Romano. Dove? Nelle regioni (Britannia, Gallia, Dacia, Macedonia, Asia Minore, Armenia, Mesopotamia, Egitto, Cartagine, Africa ect). Repubblica: forma di governo in cui il potere è esercitato da tutti i cittadini, direttamente o attraverso rappresentanti liberamente scelti. Guerre puniche: le guerre contro i Cartaginesi, così chiamate perché in latino “cartaginese” si diceva punicus.
Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email