Ominide 1069 punti

Se mettessimo in confronto le vicende storiche dell’Estremo Oriente nel II e I millennio a.C., noteremo chela situazione del Vicino Oriente durante l’età del ferro è analoga.
Mi spiego meglio, attorno al 1600 a.C., i territori della civiltà idraulica affini alla Valle dell’Indo furono invasi da una tribù nota come “Arii”, che sottopose ad un regno instabile la popolazione (in quanto a loro contava il dominio del territorio in senso economico).
Alla conquista, la tribù conquistatrice impose un nuovo modello di società incentrata sulla nobiltà guerriera, infatti essa era dotata di molti privilegi, mentre i popolani erano costretti a lavorare per mantenere questi nobili.
Questo sistema gerarchico instaurò le basi del sistema delle caste induista. Ma cosa intendiamo per “caste”? Una casta è una gruppo sociale (non è lontanamente definibile come “classe”) chiuso a cui appartengono determinati soggetti per via ereditaria.

Al vertice della società ariana vi erano i sacerdoti (o brahmani), affiancati dai guerrieri (o ksatriya), tra di loro veniva eletto il sovrano, che tuttavia sottostava alle decisioni di codesti nobili.
Al gradino inferiore vi erano i mercanti (vaysia) dotati di minori privilegi rispetto alla classe soprastante, al gradino più basso vi erano i contadini (sudra) e, continuando vero il basso, i paria (stranieri o caduti in miseria ignorati dalla società o dotati di lavori che venivano, e vengono, considerati “intoccabili”).

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità