pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti
Eusebio di Cesarea – Vittoria alata

Costantino avrebbe retto in mano non una rappresentazione figurata della città, bensì il globo sormontato dalla Vittoria alata: «si tratta insomma della potenza romana di Costantinopoli, non della sua immagine cittadina»; sempre secondo Dagron, nel rifondare Costantinopoli Costantino prende le tradizioni locali ma le fa diventare imperiali: forse è per questo che egli non vuol credere o immaginare che fosse una Tyche, che era Anthousa (la fortuna della città) e questo avrebbe significato un ancoramento al luogo, anziché un’universalizzazione del potere. La fama di una Tyche, presente anche nella statua del foro, però, era così solida da confluire nei Patria Constantinopoleos, quel gruppo di fonti bizantine che mescolano a molta finzione anche qualche dato di realtà. Vi si dice che «Il monumento nel foro molti inni ricevette [...] Collocato nel foro e avendo quello molti inni ricevuto, alla Tyche della città tutti si prosternarono. Dovremmo immaginare che fra quanti si prosternarono ci fosse pure Costantino. Lo stesso gesto, infatti, egli volle compiere (per primo assistendo col nuovo diadema alla cerimonia dell’ippodromo) sì da fissare un modello ufficiale alle cerimonie future, che egli stabilì per decreto. Difficilmente, tuttavia, un simile atto di venerazione sarebbe stato ordinato e compiuto da lui stesso verso la propria statua, se non in quanto recante in mano una divinità, la Tyche di Costantinopoli, che egli aveva chiamato Anthousa come Roma, la dea Fiorente (Flora). Tale ipotesi trova oggi supporto in due tipi di tetradramma, che furono coniati contemporaneamente per l’inaugurazione della città nel 330 dalla sola zecca di Costantinopoli, e di cui uno (con la dea Roma sul rovescio) noto solo a partire dal 1995. G. Dagron, dunque, non poté tenerne conto, quando suggerì che la statua di Costantino nel foro avesse in mano una vittoria alata come quella lignea per l’ippodromo.
Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove