pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Cesare – Clemenza


Cesare fu infatti molto clemente, ma in molti, tra quelli che furono oggetto della propria clemenza, si ribellarono a colui che ormai in tutti i sensi era un padrone assoluto dello Stato; alle idi di Marzo (il 15 del mese) del 44 Cesare fu trafitto dai pugnali dei congiurati mentre entrava in Senato (dunque, pur essendo geniale, non aveva saputo misurare la quantità di odio ed invidia che si addensavano intorno alla sua persona). Fu una reazione emotiva, in quanto i congiurati uccisero Cesare ma non seppero che cosa sostituire: chi sostituirgli, che cosa, quale alternativa logica, funzionale ed adeguata ai tempi dare a Cesare. Se si uccide un grande uomo bisogna sapere con che sostituirlo, altrimenti è del tutto inutile: la cospirazione contro Cesare non ha caso è uno dei grandi nodi della storia mondiale, l’uccisione di un dittatore senza aver creato un’alternativa resta un gesto fine a se stesso, che precipita lo Stato nella guerra civile, cosa che accadde subito dopo la morte di Cesare; fra l’altro i congiurati commisero un errore strategico: essi uccisero Cesare ma lasciarono in vita i suoi collaboratori più importanti, come per esempio Marco Antonio, che era il luogotenente del dittatore, console nel 44. I congiurati stessi non si erano resi conto che c’era un erede di Cesare, che all’epoca stava in Armenia, per poi organizzare la spedizione contro i Parti, che probabilmente sarebbe riuscito (con la sua genialità, prontezza, velocità ed i suoi soldi) ad espugnare al fianco di Cesare; Marco Antonio si rese conto che la plebe (compreso tutto l’insieme dei veterani di Cesare) non avrebbe facilmente dimenticato la sua affezione per questo grandissimo uomo e che la posizione del Senato, il quale tentava di tutelare la posizione dei congiurati (perché espressi dal suo seno), non sarebbe gradita né al popolo, né ai veterani.
Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017