Sapiens Sapiens 12843 punti
Quegli stranieri alla porta

Tutte le norme allo studio per l'immigrazione nell'UE

Secondo i dati ufficiali, gli stranieri in Europa sono almeno il 17 per cento dei cittadini. In Germania gli immigrati rappresentano il 16 per cento della popolazione, in Francia il 31 per cento, in Italia il 2,4. Ma si tratta solo di stime, incapaci di valutare l'incidenza degli irregolari.
L'immigrazione, in origine esclusa dalle politiche dell'Ue, è stata inserita nel Trattato di Amsterdam. Due le normative vaglio: una convenzione che stabilisca norme uniche per disciplinare l'attraversamento delle frontiere e i controlli (permanenti e obbligatori in entrata e in uscita); l'altra per regolamentare ammissione negli stati membri e adottare condizioni uniformi contro i clandestini. Altri due provvedimenti, relativi all'aiuto per il ritorno volontario nei paesi d'origine e per la creazione di un unico modello per visti e permessi di soggiorno, sono già stati adottati.

In merito all'asilo politico, le cui domande sono in continuo aumento, le norme Ue prevedono una convenzione per stabilire quale sia lo stato membro competente per l'esame della domanda d'asilo (per evitare i rifugiati che richiedono asilo in più stati); e una risoluzione per dividere fra gli stati la responsabilità per l'accoglienza di chi richiede asilo. (A.M.A.)

I cittadini extracomunitari avviati al lavoro sono:
per classe di età: 2331(meno di 18 anni),26248(dai 19 ai 24 anni),42401(dai 25 a 29 anni),95271(30 anni e oltre);
per titolo di studio: 136627(nessuno), 24809(licenza media), 4070(diploma),745(laurea);
per qualifica:6179(operai specializzati),2385(impiegati),32224(operai qualificati),125463(operai generici).

Hai bisogno di aiuto in Sociologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Cerca la tua scuola con Scuola in chiaro