Vale 02 di Vale 02
Habilis 944 punti

Seconda agenzia di socializzazione: Scuola


Scuola = socializzazione primaria e secondaria, organizzazione fortemente istituzionalizzata, condotta da specialisti.
Funzioni:
•alfabetizzazione
•trasmissione culturale di valori e regole
•formazione della personalità
•sviluppo sistema scientifico-tecnologico e produttivo
•selezione sociale
•promozione cambiamento
•integrazione sociale
La pianificazione formale di valori, regole e simboli, ha come obiettivo una socializzazione uguale per tutti, con tappe scandite in base all’età, ma ha anche finalità politiche collettive (socializzazione pubblica) per la partecipazione alle attività sociali, perché è diretta dallo stato o dalla comunità, a differenza di quella familiare che è rivolta al singolo.
Per Parsons, nella scuola gli individui vengono formati secondo il principio di realizzazione, si è valutati in base alle proprie prestazioni.
La scuola nasce nell’età moderna, ma ha il massimo sviluppo nella seconda metà del 1900. Nel secXIX, viene vista come mezzo di conservazione e trasmissione dell’ordine esistente, successivamente si afferma l’idea della scuola come comunità, istituzione autonoma nel definire il suo compito di socializzazione.

Sociologia dell’educazione


Nasce con Durkheim, che è interessato particolarmente alle funzione di integrazione della scuola, come agenzia fondamentale per la trasmissione di valori e regole e per la formazione di una coscienza collettiva.
Sociologia funzionalista: Parsons vede la scuola come strumento per garantire ordine e continuità, che fornisce strumenti e titoli di studio per l’inserimento nel mondo del lavoro.
Sociologia conflittualista di derivazione marxista: la scuola non ha funzione di integrazione, ma solo riproduzione ideologica della classe dominante e delle diseguaglianze. Infatti, la possibilità di raggiungere livelli più elevati di istruzione è sempre legata a richieste che le classi meno ricche non possono permettersi, quindi sono facilitati coloro che hanno prestigio sociale e ricchezza.
Programmi occulti: Il lavoro degli insegnanti, legato a valori borghesi, è orientato da questi valori, per cui l’insegnante è incline ad apprezzare gli studenti che provengono da famiglie ricche e prestigiose, che rispecchiano gli ideali dominanti. La scuola non è inclusiva, è selettiva.
Esperimento: i docenti cambiano il loro giudizio perché condizionati dal giudizio degli psicologi.
Le scuole di sociologia esaminate basano le loro interpretazioni su letture di tipo macro, sui grandi numeri.
La sociologia interazionista e fenomenologica si interessa invece della scuola con metodi etnografici, considerando le subculture, rituali, ecc. dei gruppi di alunni. Quindi non è possibile descrivere il funzionamento della scuola di un dato paese in modo omogeneo.
Per Berger e Giddens la scuola trasmette norme e strategie per l’agire quotidiano nella scuola stessa, per creare un clima adeguato al funzionamento della classe,
Hai bisogno di aiuto in Sociologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email