dins di dins
Habilis 576 punti

La relazione tra musica e società è stata oggetto di rilevanti riflessioni tra gli autori classici della sociologia, tuttavia solo di recente sono diventate oggetto di indagini più sofisticate. I fenomeni musicali e dell’arte in genere sono strettamente legati alle dinamiche sociali che caratterizzano i contesti in cui essi si esprimono.
Nell’ultimo secolo lo sviluppo delle comunicazioni e delle tecnologie ha cancellato le barriere provocando un’accelerazione dei processi di ibridazione che investono ogni tipo di linguaggio. La musica ha un ruolo determinante nei processi di costruzione simbolica. Capire l’arte fa parte di una riflessione più ampia delle dinamiche sociali in quanto essa è il risultato di un processo collettivo che si esprimono in relazione ai diversi fattori che investono il rapporto tra mezzi di comunicazione cultura potere ed economia. La cultura, come dice Franco Crespi, si esprime attraverso un insieme di codici rituali, modelli di comportamento che costituiscono in ogni situazione un insieme di risorse la cui funzione cambia a seconda dei momenti. Una cassetta degli attrezzi o un repertorio che può essere utilizzata in configurazioni particolari che cambiano nel tempo e che servono per definire la realtà. I processi di contaminazione tra le culture attraverso i mezzi di comunicazione hanno subito un’accelerazione formando delle culture ibride in società sempre più complesse. Diana Crane distingue la cultura registrata, che comprende tutte le forme documentate di cultura (scritti, filmati, dischi) e cultura non registrata che si riferisce agli atteggiamenti e ai valori condivisi. Inoltre parla di culture di classe riferendosi ai valori e agli atteggiamenti di gruppi che la consumano.

Hai bisogno di aiuto in Sociologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email