Sapiens Sapiens 12226 punti

I nomadi e gli zingari


Un altro problema che va ad aggiungersi a quelli degli immigrati,emarginati e emigrati, è il sempre più folto numero di nomadi che giungono nel nostro Paese. Sono recenti gli episodi di intolleranza verso questi popoli sicuramente diversi da noi per usi, costumi e abitudini, ma uguali a noi per tutto il resto. Sembra quasi impossibile, eppure, gli "zingari" incarnano il «diverso» più odiato e rifiutato dagli italiani, secondo alcuni studi; secondo, invece, recenti statistiche appare proprio il contrario e c'è da augurarselo davvero. Fatti di cronaca rilevano comunque , che risulta difficile accettare popoli diversi da noi, ancora oggi che siamo nel terzo millennio e ci vantiamo di essere tra i popoli più civili e progrediti.
Allora, forse, sarebbe il caso di conoscere più da vicino chi sono gli zingari, per imparare il modo di accettarli e di convivere serenamente. Gli Zingari sono una popolazione nomade forse di origine asiatica, che tra loro si designano con i nomi di Rom e Manush, parlano una lingua simile a quelle diffuse nelle regioni di confine tra l'India e l'altopiano iranico. La loro presenza in Italia risale al 15° secolo e da sempre sono stati famosi per la loro abilità nella lavorazione dei metalli e come esperti allevatori di cavalli. Attualmente si calcola che oltre 50mila Zingari vivano nel nostro Paese. Tradizionalmente essi sono organizzati in gruppo che si spostano in caratteristiche carovane; per loro non esiste il concetto di proprietà privata perciò cercano e prendono ciò di cui hanno bisogno senza farsi troppi scrupoli. Non sono soliti tenere registrazioni anagrafiche né elenchi di matrimoni per molti di loro non hanno documenti validi nel nostro Paese e ciò rende difficile l' inserimento nel mondo del lavoro, il rilascio di licenze per il commercio e impedisce la realizzazione di forme anche elementari di integrazione di questa antica e fiera popolazione nel contesto della nostra società.
Hai bisogno di aiuto in Sociologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze