Abolito il voto di condotta: ecco dove è successo

Marcello G.
Di Marcello G.

voto di condotta abolito

È uno degli aspetti che la ministra dell’istruzione, Valeria Fedeli, ha voluto sottolineare con maggior forza quando alcune settimane fa ha illustrato la nuova maturità (quella che partirà nel 2019): il voto di condotta, fondamentale per accedere all’Esame di Stato. Senza sufficienza, nei piani della ministra, non si potrà sostenere la maturità. In più, particolare attenzione sarà prestata agli episodi di bullismo e cyberbullismo, particolarmente penalizzanti nel curriculum degli studenti. Ma se togli questo parametro tutto diventa inutile. Ed è quello che ha fatto una scuola della provincia di Lecce, dove il voto di condotta è stato sostituito da un giudizio.

A Lecce via il voto di condotta, sostituito da un giudizio scritto

L’episodio risale a qualche mese fa. Come in tutte le scuole d’Italia anche all’istituto secondario di primo grado di Supersano, alla fine del primo quadrimestre, i genitori sono andati a ritirare le schede di valutazione dei ragazzi. Solo che all’appello mancava un voto: la casella relativa alla condotta era rimasta vuota. O meglio, non c’era nessuno numero ma solo poche righe che ‘spiegavano’ a parole il comportamento dello studente. Cambia poco se si tratta di una scuola media. Così le proteste non si sono fatte attendere.

La legge impone che i docenti esprimano un voto da 0 a 10

È la prima volta che in Italia si verifica un fatto del genere. Anche perché la legge impone al collegio dei docenti di esprimere un voto in tutti gli ambiti educativi, condotta compresa. Nel Decreto del Presidente della Repubblica n.122 del 2009 – che disciplina i criteri di valutazione degli alunni – si legge proprio che "La valutazione periodica e finale del comportamento degli alunni è espressa in decimi". Quindi con un voto numerico da 0 a 10. Per questo c’è stata una levata di scudi da parte dei genitori, che rivorrebbero il voto di condotta in pagella. Attacchi rispediti al mittente dalla preside della scuola: “ci ha detto che se non ci sta bene possiamo iscrivere i nostri figli in un'altra scuola - dice uno dei rappresentanti dei genitori - e che l'assenza del voto di valutazione è dovuta a politiche scolastiche".
Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta