Ricreazione "sorvegliata", tutti in classe sotto gli occhi del prof: studenti scioperano

Andrea Carlino
Di Andrea Carlino

Gli studenti dell'istituto "Tommaso D'Oria" di Ciriè (in provincia di Torino) hanno deciso di protestare contro le "restrizioni sull'intervallo" imposte dal dirigente scolastico.

La circolare

La preside ha emanato una circolare, lo scorso 13 ottobre, in cui si regolamenta l'intervallo tra le lezioni. Si autorizzano 2 "pause merenda" nell'arco della mattinata: lunedì martedì e giovedì dalle 9.50 alle 10.00 e dalle 11.50 alle 12.00, l'altra, mercoledì e venerdì dalle 9.40 alle 9.50 e dalle 12.20 alle 12.30. Le pause merenda, si legge testualmente nella circolare, "costituendo parte integrante dell’attività didattica, devono svolgersi alla presenza del docente nella cui ora sono previste. Durante le pause merenda gli alunni devono restare nelle rispettive classi sotto la vigilanza del docente dell’ora di lezione. Il docente potrà consentire l’uscita dall’aula e non dall’edificio scolastico di massimo tre allievi per volta. E’ consentito consumare “la merenda” in classe avendo cura di riporre i rifiuti nell’apposito cestino. E’ fatto obbligo a tutto il personale, docente ed ATA, far rispettare tale disposizione, eventuali inadempienze, oltre che costituire ipotesi di culpa in vigilando ai sensi dell’ art. 2048 del c.c., saranno oggetto di procedimento disciplinare".

Protesta

La vera novità che ha destato scalpore tra i circa 900 allievi della scuola superiore e che non posso uscire nel cortile interno durante l'intervallo o nei corridoi, ma devono restare in classe e andare ai servizi igienici tre alla volta, accompagnati da un operatore scolastico.
Una decisione - precisano gli studenti - "senza un confronto con noi, che non abbiamo ancora nemmeno eletto i nostri nuovi rappresentanti. Vogliamo solo incontrare la preside e cercare di confrontarci per poter ottenere delle condizioni differenti su come trascorrere i dieci minuti della pausa che sono molto importanti". Gli alunni affermano che questo provvedimento limiti le libertà individuali e chiedono che venga sospeso fino al 26 ottobre, quando ci saranno le elezioni dei nuovi rappresentanti d’istituto.

Preside aperta al dialogo

Dopo la protesta ci sarebbe stata un'apertura da parte della preside, disposta alla mediazione senza però venir meno alla tutela dell'incolumità degli studenti e alle clausole contrattuali del personale docente e di quello Ata. La soluzione che acconterebbe tutti sarebbe quella di trovare la disponibilità dei docenti a vigilare i giovani. Si tratta per trovare una via d'uscita che eviterebbe nuove forme di protesta.
Commenti
Consigliato per te
Come affrontare un'interrogazione senza aver studiato
Skuola | TV
Prima volta: tutte le difficoltà che si possono incontrare

Ospite in studio una psicosessuologa che ci parlerà delle difficoltà che ragazzi e ragazze possono incontrare durante la loro prima volta.

22 novembre 2017 ore 16:30

Segui la diretta