#PiùUguale: tutti pronti a scendere in piazza?

Serena Rosticci
Di Serena Rosticci
foto di protesta studenti più uguale

"SOS Isee", "Liberi di studiare" e "Diritto allo studio" sono state le keyword che hanno caratterizzato la vostra giornata del 5 novembre. Una giornata piena di flashmob e azioni dimostrative in concomitanza con il lancio della campagna #PiùUguale, promossa dall’Unione degli Universitari e dalla Rete Studenti Medi. E le mobilitazioni e le proteste studenti continuano fino al prossimo 17 novembre, giornata internazionale dello studente.


Il flashmob #PiùUguale ad Ancona
foto di protesta studenti

Il flashmob #PiùUguale a Bologna
foto di manifestazione studenti

PROTESTA STUDENTI: OGGI BASTA DISUGUAGLIANZE - "Con la campagna #PiùUguale vogliamo lanciare un messaggio preciso - dichiara Roberto Irone, portavoce nazionale Rete Studenti Medi - Non possiamo accettare che le disuguaglianze nella nostra società crescano ancora, concentrando ricchezza nelle mani di pochi e togliendo opportunità ad un numero sempre maggiore di persone, a partire da tanti studenti e giovani espulsi dai luoghi d'istruzione ed esclusi dal welfare".

Vuoi sapere come è andata l'ultima manifestazione studenti? Guarda il video!


MANIFESTAZIONE STUDENTI: INSIEME AGLI UNIVERSITARI - "L'investimento in istruzione e in diritto allo studio è fondamentale - continua Jacopo Dionisio, coordinatore nazionale Unione degli Universitari - le condizioni materiali e socio -economiche di partenza condizionano ancora pesantemente l'accesso all'istruzione e la carriera degli studenti. In questo modo viene meno la funzione di ascensore sociale e di sviluppo, sia culturale che economico, che l'istruzione ha sempre avuto in tutta Europa. La legge di stabilità non va in questa direzione perché i fondi per il diritto allo studio ad ogni livello sono totalmente assenti: questa legge deve cambiare prevedendo risorse certe e strutturali per l'accesso e l'inclusione di tutti, a partire dalla legge nazionale sul diritto allo studio per gli studenti medi e dalla totale copertura delle borse di studio universitarie. Vogliamo essere liberi di studiare"

Il flashmob #PiùUguale a Venezia
foto di protesta studenti

PROTESTA STUDENTI: TUTTI INSIEME VERSO IL 17 NOVEMBRE - Insomma, siete arrabbiati, ma non soli. Già, perchè la vostra protesta studenti è quella anche di tanti ragazzi europei e proprio per questo Rete Studenti Medi e Unione Universitari hanno aderito alla campagna europea "Free to learn, free to move" promossa da Esu ed Obessu per rivendicare il diritto di tutti ad avere accesso all'istruzione e alla libertà di movimento tra i paese europei. Tutto in vista della giornata del 17 novembre, quando la manifestazione studenti sarà una sola con quella del resto dell'Europa.

Serena Rosticci
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di sapere di cosa parleremo nella live della prossima settimana? Continua a seguirci e lo scoprirai!

10 dicembre 2020 ore 15:00

Segui la diretta