#PiùUguale: tutti pronti a scendere in piazza?

Serena Rosticci
Di Serena Rosticci

foto di protesta studenti più uguale

"SOS Isee", "Liberi di studiare" e "Diritto allo studio" sono state le keyword che hanno caratterizzato la vostra giornata del 5 novembre. Una giornata piena di flashmob e azioni dimostrative in concomitanza con il lancio della campagna #PiùUguale, promossa dall’Unione degli Universitari e dalla Rete Studenti Medi. E le mobilitazioni e le proteste studenti continuano fino al prossimo 17 novembre, giornata internazionale dello studente.

Il flashmob #PiùUguale ad Ancona
foto di protesta studenti

Il flashmob #PiùUguale a Bologna
foto di manifestazione studenti

PROTESTA STUDENTI: OGGI BASTA DISUGUAGLIANZE - "Con la campagna #PiùUguale vogliamo lanciare un messaggio preciso - dichiara Roberto Irone, portavoce nazionale Rete Studenti Medi - Non possiamo accettare che le disuguaglianze nella nostra società crescano ancora, concentrando ricchezza nelle mani di pochi e togliendo opportunità ad un numero sempre maggiore di persone, a partire da tanti studenti e giovani espulsi dai luoghi d'istruzione ed esclusi dal welfare".

Vuoi sapere come è andata l'ultima manifestazione studenti? Guarda il video!

MANIFESTAZIONE STUDENTI: INSIEME AGLI UNIVERSITARI - "L'investimento in istruzione e in diritto allo studio è fondamentale - continua Jacopo Dionisio, coordinatore nazionale Unione degli Universitari - le condizioni materiali e socio -economiche di partenza condizionano ancora pesantemente l'accesso all'istruzione e la carriera degli studenti. In questo modo viene meno la funzione di ascensore sociale e di sviluppo, sia culturale che economico, che l'istruzione ha sempre avuto in tutta Europa. La legge di stabilità non va in questa direzione perché i fondi per il diritto allo studio ad ogni livello sono totalmente assenti: questa legge deve cambiare prevedendo risorse certe e strutturali per l'accesso e l'inclusione di tutti, a partire dalla legge nazionale sul diritto allo studio per gli studenti medi e dalla totale copertura delle borse di studio universitarie. Vogliamo essere liberi di studiare"

Il flashmob #PiùUguale a Venezia
foto di protesta studenti

PROTESTA STUDENTI: TUTTI INSIEME VERSO IL 17 NOVEMBRE - Insomma, siete arrabbiati, ma non soli. Già, perchè la vostra protesta studenti è quella anche di tanti ragazzi europei e proprio per questo Rete Studenti Medi e Unione Universitari hanno aderito alla campagna europea "Free to learn, free to move" promossa da Esu ed Obessu per rivendicare il diritto di tutti ad avere accesso all'istruzione e alla libertà di movimento tra i paese europei. Tutto in vista della giornata del 17 novembre, quando la manifestazione studenti sarà una sola con quella del resto dell'Europa.

Serena Rosticci

Commenti
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità
Skuola | TV
Quanti MEGA ci sono in un GIGA? - Le Reazioni della gente comune

Quanti MEGA ci sono in un GIGA? Abbiamo fatto questa domanda ad alcuni ragazzi, le risposte sono davvero IMBARAZZANTI!

25 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta