10 momenti drammatici che puoi capire solo se vai al Liceo Classico

redazione
Di redazione

luoghi comuni sul liceo classico

Il liceo classico è noto per essere l’indirizzo più difficile, emotivamente provante e ansiogeno delle scuole superiori. Bene, è tutto vero. Tra professori schizzati, versioni che un senso non ce l’hanno e psicosi dovute alla mancanza di sonno ecco le 10 situazioni più drammatiche dei poveri martiri del greco antico.

10. Quando la gente scrive gli stati whatsapp con lettere greche


Se siete al classico indubbiamente conoscete il disagio che si crea nella vostra testa quando qualche simpatica ragazza, che il greco nemmeno sa cosa sia, abbellisce il suo stato whatsapp con lettere greche, solo per somiglianza a quelle italiane. Inutile dire che la vostra mente deturpata dal greco legge le lettere come dovrebbero essere lette, dando vita ad aborti dell’ortografia.

9. Quando i professori non capiscono il significato del termine VACANZE


Se andate al classico avete sicuramente quel professore di greco e/o latino che appena vede che il weekend dura 10 minuti in più assegna 20 versioni bonus perché “non dovete perdere l’allenamento”

8. Quando metti in dubbio tutta la mistificazione attorno al popolo greco


Se vi è capitato almeno una volta di aprire un vocabolario di greco hai sicuramente notato termini alquanto inconsueti: tra i più conosciuti c’è “rafanidooo” infilarsi un ravanello in quel posto, “dasiuproktos” (dal lato b peloso), o "filogallobracheionotumpanos" (la parola con più lettere del mondo conosciuto, per di più greche), letteralmente "amante del tamburo battuto dal braccio dei Galli", e tante altre belle locuzioni che ti faranno porre delle domande esistenziali.

7. Quando potresti fare più vittime di Jack Lo Squartatore


Abbiamo tutti quell’amico che, scontento di non vederci, spesso osa dirci cose come “vabbè ma non puoi avere così tanto da studiare” oppure “guarda che non è che al classico lavorate di più”, scatenando una furia omicida trattenuta dal solo fatto che dovete studiare, visto che domani avete un’interrogazione, l'ennesima.

6. Quando fai una versione e cerchi di dargli un senso


Tranquilli il senso non ce l’ha.

5. Quando i compagni dello scientifico si lamentano del latino


Per prima cosa il latino dello scientifico è come la versione per bambini delle parole crociate; dopodiché provate a trovare una versione di greco già fatta su internet e ne riparliamo.

4. Quando hai l’agricoltura come pensiero fisso


Quante volte avete sentito professori dire che siete braccia strappate all’agricoltura? Se andate al classico lo avete sentito abbastanza da valutare seriamente l’idea; del resto la stanchezza fisica è più sopportabile del decadimento mentale provocato dalle ore di sonno dedicate allo studio.

3. Quando hai un’unica certezza


Non sapete cosa fare all’università? Vi chiedete a cosa vi servono le ore passate a studiare greco antico, quando nessuno lo parla più? Se avrete un futuro o se lavorerete mai? Però almeno che sull’articolo del genitivo plurale ci va sempre l’accento circonflesso lo sapete di sicuro.

2. Quando consideri di prendere Dante come modello di vita


A forza di interrogazioni, compiti e studio state seriamente considerando di prendere esempio da Dante e svenire la prossima volta che vi chiamano.

1. Quando prendi spunto dai Romani per passare l’interrogazione


Tra riti propiziatori e sacrifici agli dei non sapete più dove sbattere la testa per riuscire a vedere una sufficienza.

Laura Colafranceschi

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta