Addio shish: 10 consigli per Renzi sull'inglese

renzi e l'inglese

All'apertura dei lavori dell'Harvard World Model United Nations all'Onu, il premier ha parlato davanti a 2500 studenti stranieri in inglese. Indovina un po'? Ancora una volta ha sfoderato una pronuncia dell'inglese che neanche il più negato della classe durante l'interrogazione su Shakespeare. Così il contenuto del discorso - su temi molto seri e importanti - è passato in secondo piano scatenando commenti e risatine. Renzi, te lo dobbiamo dire: NCSP (Non Ci Siamo Proprio). Ma siccome noi studenti capiamo cosa vuol dire dover parlare l'inglese - per giunta davanti a tutta la classe - pur non avendoci mai capito nulla, vogliamo darti una mano. Ecco quindi 10 buoni consigli sulla pronuncia inglese che dovresti seguire, e che servono un po' a tutti.

#10 Ascolta i tuoi shish
Caro Renzi, prima di recarti a incontri internazionali e parlare per ore in inglese, ti consigliamo di registrare il tuo discorso e riascoltarlo, per poi correggere dove stai sbagliando. Può essere infatti molto difficile accorgerti degli errori di pronuncia se sei concentrato sulla comunicazione più che sui suoni in sé. Quindi, la prossima volta, prova questo metodo e forse gli shish diminuiranno.

#9 Chi va piano va sano e va lontano
Sappiamo bene che sei molto giovanile e friendly, ti piace andare a braccio e parlare in modo sciolto. Ma quando ti ricapiterà di dover pronunciare di nuovo un discorso in inglese, fai uno sforzo: rallenta. Se parli troppo velocemente, potresti ricadere nelle cattive abitudini - che conosciamo bene - di pronuncia. Conta fino a 10, respira e pensa a quello che vuoi dire: sarai più rilassato e potrai concentrarti sui suoni. Così eviterai di impappinarti e sentirai sparire le risatine tutt'intorno a te.

#8 Concentrati
Ok, sei davanti al tuo uditorio e forse pensi già ai video su YouTube e ai meme su Facebook sul tuo prossimo errore di pronuncia. Ma non agitarti: take your time. Se hai un dubbio, chiudi gli occhi e pensa a come articolare il suono prima di pronunciarlo. Visualizza la posizione della bocca e della faccia. Pensa al suono che devi produrre e ripetilo. Può aiutarti concentrarti sulla forma che devi articolare dentro la bocca per produrre il suono giusto. Non farlo troppo spesso, però, potresti sembrare un po' ubriaco.

#7 Allena la tua lingua!

Nel vero senso del termine. In fin dei conti la pronuncia è una capacità fisica e la tua bocca deve imparare a usare muscoli diversi rispetto a quando parli il fiorentino stretto. Per questo devi esercitarti sui suoni difficili ogni giorno, fino a sviluppare una certa abitudine nell'effettuare il movimento corrispondente.

#6 Prove generali allo specchio
Un altro trucco che può esserti utile nel migliorare la tua pronuncia è quello di studiare davanti allo specchio. No, non per ingelatinare il ciuffo. Prendi un video del tuo amico Obama su YouTube e prova a confrontare i movimenti della tua bocca quando pronunci la stessa parola. Se vuoi puoi usare anche la regina Elisabetta. Questione di stile.

#5 Per questa volta puoi copiare
Abbiamo capito che l'inglese non è il tuo forte. Quanto hai fatto disperare il tuo prof? Scommettiamo che deve essere molto frustrante per lui continuare a vederti sbagliare la pronuncia. Per questa volta quindi ti permettiamo di copiare, o meglio, di imitare la pronuncia direttamente dai madrelingua. Ascolta la radio e guarda film e programmi TV in inglese e imita quello che senti, anche se probabilmente non sai bene che cosa stai dicendo.

#4 Scene da teatro
Il tuo modo di fare istrionico lo conosciamo bene tutti. Perché non usarlo per imparare al meglio l'inglese? Un modo per esercitarti è infatti quello di "mettere in scena" una particolare situazione, immaginando di dovertela cavare con l'inglese, recitando il dialogo sperimentando la pronuncia di più parole possibili. Infatti, i problemi di pronuncia sono difficili da eliminare anche perché abbiamo paura di fare errori. E nel tuo caso, non è così infondata.

#3 Studia insieme ad Alfano
O preferisci la Boschi? Meglio la Giannini? Attento però, che lei è difficile da seguire anche quando parla italiano. Del resto, è una linguista e conosce parole che noi umani non possiamo neanche immaginare. Comunque, sappi che ascoltare i commenti di un osservatore esterno è essenziale. Se entrambi volete migliorare il vostro inglese, provate a whatsapparvi con messaggi vocali in inglese, in modo che ciascuno possa ascoltare con attenzione la pronuncia dell’altro. Almeno così avremo addirittura due componenti del governo bravi in inglese!

#2 Leggi a voce alta (non solo i tweet)
Se hai messo in pratica tutti questi buoni consigli, sei a metà dell'opera e gli shish dovrebbero essere ormai solo un brutto ricordo. Tuttavia, ti manca un ultimo scalino: una buona pronuncia non si limita ai singoli suoni, ma è fatta anche di un uso corretto di intonazione e accento. Accantona per un attimo Twitter e leggi poesie, discorsi e canzoni a voce alta, concentrandoti su questi due elementi.

#1 Cantare...oh-oh oh-oh!
E infine, scatenati nel canto! Impara le parole delle canzoni inglesi più famose e canta quando le senti. In questo modo, potrai rilassarti prima dei grandi eventi e ti abituerai a pronunciare le parole in modo naturale. Allo stesso tempo, imparerai il loro ritmo e l’intonazione. In più ti potrai concentrare sulla pronuncia, visto che non devi pensare a costruire la frase. Prima però regala a tua moglie dei buoni tappi per le orecchie, se non vuoi fare come Modugno e volare (fuori dalla finestra) nel blu dipinto di blu.

Carla Maria Ardizzone

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta