Ominide 500 punti

La trasmissione degli impulsi

La quasi totalità delle attività del nostro sistema nervoso, consiste nel recepire gli stimoli esterni ed interni, inviarli al cervello al midollo spinale, elaborarli, dare delle risposte adeguate agli stimoli ed inviare le risposte elaborate agli organi che devono svolgere tale attività. Ogni stimolo proveniente dall'esterno dagli organi interni vengono trasportati tramite i nervi fino al sistema nervoso centrale ed elabora delle risposte adeguate a tali stimoli. Tutte queste funzioni possono avvenire sia in modo volontario o in modo involontario. La sensibilità volontaria risiede e il cervello la sede degli atti volontari. Si dice atto volontario qualsiasi azione che sia possibile controllare, per esempio raccogliere un oggetto da terra. La sede della sensibilità involontaria e dei movimenti incoscienti e invece il midollo spinale. Il nostro corpo può infatti rispondere ad uno stimolo senza che noi lo decidiamo. In questo caso si parla di atti involontari la risposta agli stimoli viene elaborata nel midollo spinale. Il midollo spinale provoca reazioni involontarie rapidissime rispetto ai movimenti volontari controllati dal cervello. Sono atti involontari ogni cosa che viene naturale fare, per esempio spostare la mano quando si tocca qualcosa di bollente oppure chiudere gli occhi quando si è abbagliati da una forte luce. L'impulso nervoso arriva ai dendriti di un neurone viaggiando lungo e neuriti sotto forma di un impulso elettrico. Ogni neurone è analogo ad una pila, quando è a riposo il suo corpo cellulare è all'interno negativo e all'esterno positivo. La membrana cellulare del neurone è infatti polarizzata. Quando si stimola un neuroni attraverso un impulso nervoso, questo inverte le sue cariche, diventa quindi positivo all'interno o all'esterno. A causa di questa inversione di polarità, detto depolarizzazione, si genera un impulso elettrico lungo la membrana. Da questo membrana l'impulso elettrico creatosi viene passato al neurite lungo il cui si trasmette per depolarizzazione da un nodo di Ranvier all'altro, dove successivamente si ha un inversione ulteriore di carica che permette la trasmissione degli impulsi elettrici fino ad una sinapsi. Arrivato ad un bottone sinaptico , per raggiungere il neurone successivo questi impulsi elettrici devono attraversare tramite simboli chimici la sinapsi. i bottoni sinaptici rilasciano infatti delle piccole quantità di sostanze chimiche quali l'adrenalina e la serotonina che formano un ponte chimico attraverso il quale lo stimolo può passare.
Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email