Ominide 8039 punti

La tartaruga marina

Di tanto in tanto, specialmente nei mesi più caldi, le cronache dei quotidiani narrano del rinvenimento, in circostanze più o meno singolari, di enormi tartarughe marine, pacifici rettili oggi quasi scomparsi dai nostri mari, dove pure vivevano un tempo discretamente numerosi.
L'incontro più frequente riguarda la caretta, che è un pò più piccola delle altre, ma non per questo sfugge alle brame dei pescatori, come è testimoniato in modo più che evidente dai numerosi scudi disseccati appesi alle pareti delle trattorie di qualsiasi località balneare, soprattutto del Mezzogiorno e nelle isole. Più raramente accade di imbattersi nella sfargide, gigante della famiglia, o nella tartaruga verde, di medie dimensioni.
Molti anni fa, ad esempio, una sfargide di quasi due metri di lunghezza fu catturata in Campania, nel golfo di Napoli, ed ancor prima un'altra era stata uccisa a Marina di Pioppi, tra il Golfo di Salerno e quello di Policastro.

Poi fu la volta di uno sfortunato esemplare approdato presso le foci del Tevere, che oltre a vedersi attribuire l'immeritato appellativo <mostro di Fiumicino> fu ben presto oggetto di interessanti mercanteggiamenti finchè non finì esposto nella vetrina di un ristorante della zona come attrazione turistica.
Il destino di questi anacronistici e incompresi animali sembra tragicamente segnato, almeno nel Mediterraneo, perchè nell'epoca delle superpetroliere e dell'inquinamento del mare i bassi fondali di alghe, da cui le tartarughe marine dipendono per l'alimentazione, vengono sistematicamente soppressi.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email