Suoni e strumenti musicali
Nella scala musicale ogni nota ha un numero fisso di vibrazioni al minuto secondo.
I suoni musicali sono compresi fra 30 e 5.000 vibrazioni al minuto secondo (la nota-campione è il «la» con 435 vibrazioni al secondo). Essi vengono divisi in ottave, ognuna delle quali comprende le 7 note della gamma musicale: do, re, mi, fa, sol, la, si. Per esempio, la tastiera del pianoforte comprende sette ottave.
I suoni musicali si possono produrre con strumenti a corda, ad aria e a percussione.
— Gli strumenti a corda producono i suoni facendo vibrare fili metallici o di minugia (budello di pecora) tesi alle estremità e denominati corde. Tu stesso puoi sperimentare che quanto più sottile e più breve è la corda, tanto più alto è il suono prodotto.
Strumenti a corda sono: il pianoforte, il violino, la viola, il violoncello, il contrabbasso, la chitarra, il mandolino. Si osservi che in questi strumenti il suono prodotto dalle corde vibranti è reso molto più forte da una cassa di risonanza (La risonanza è un fenomeno per cui un corpo che vibra trasmette identiche vibrazioni a un altro corpo vicino, capace di vibrare con la stessa frequenza: nel nostro caso, la cassa e l’aria in essa contenuta).
— Gli strumenti ad aria sono dei tubi in cui l’aria vibra e produce dei suoni. Tipico strumento ad aria è l’organo, formato di numerosissimi tubi o canne (i tubi più lunghi e più grossi danno suoni più bassi). Altri strumenti musicali ad aria sono: l’armonio, la fisarmonica, il flauto, il clarino, la cornetta, la tromba, il trombone, ecc.
— Gli strumenti a percussione producono il suono quando vengono colpiti con un martello. Tipici strumenti musicali a percussione sono: la campana, il tamburo, il diapason.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email