VIP 2446 punti

IL SISTEMA SCHELETRICO NEGLI ANIMALI

ùIn quasi tutti gli animali esiste una struttura di sostegno anche se semplicissima. Nelle spugne,per esempio vi sono spicole; nei coralli,strutture calcaree (ossia di carbonato di calcio).
Nei molluschi è presente una struttura generalmente esterna,composta soprattutto da carbonato di calcio,è la ben nota conchiglia che , secreta in strati successivi,si accresce con l’animale,senza costringerlo alla muta.
Gli artropodi (crostacei,ragni,insetti..) sono provvisti di uno scheletro esterno (esoscheletro) ricco di chitina, che forma una vera corazza protettiva articolata,all’interno della quale si inseriscono i muscoli. L’esoscheletro deve essere cambiato periodicamente per consentire la crescita dell’animale. Per questa ragione gli artropodi si sottopongono a ripetute mute.
Negli echinodermi (stelle,ricci di mare), lo scheletro si trova nello spessore della pelle e perciò all’esterno del corpo,ma non completamente alla superficie (dermascheletro) . Anche questo particolare scheletro è formato da carbonato di calcio ed è costituito da pezzi più o meno articolati tra loro.

Nei vertebrati compare uno scheletro interno (endoscheletro) molto sviluppato e ben articolato,che consente loro di accrescersi liberamente,senza la costrizione di una corazza esterna.
Ecco perché tra i vertebrati vi sono animali di grandi dimensioni,come le balene e gli elefanti.
In alcuni pesci,come gli squali o le razze,le ossa sono formate da cartilagine,ma nella maggior parte dei vertebrati il tessuto tipico è osseo,ricco di fosfato e carbonato di calcio. A tale tessuto la cartilagine si affianca solo in zone particolari,come le articolazioni.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email