Ominide 8039 punti

I rapporti delle piante fra loro

E' facile riscontrare che nei boschi le piante non vivono isolate, ma hanno delle relazioni tra loro. In base a tali relazioni si distinguono piante epifite, saprofite, simbionti e parassite.
Le piante epifite sono quelle che, senza recare alcun danno, vivono sui rami di altre piante e non affondano quindi le loro radici nel terreno. Nelle nostre regioni le piante epifite si riducono soltanto ai muschi e alle apatiche che crescono sui tronchi degli alberi. Ma, nelle foreste tropicali, sugli alberi vivono numerose specie di orchidee, pianticelle erbacee ben note per i suoi splendidi fiori e per le loro radici fascicolate che pendono dall'alto come una criniera, in cerca dell'umidità atmosferica del sottosuolo.
Le piante saprofite sono quelle che, prive di clorofilla vivono assorbendo i prodotti della decomposizione di altri organismi vegetali o animali. Saprofiti sono, ad esempio, numerosi funghi e batteri.
Le piante simbionti sono quelle che vivono associate ad altre, traendo un reciproco vantaggio. Un tipico esempio di simbiosi è offerto dai licheni, curiosi vegetali che risultano dall'associazione di un'alga con un fungo. Altro esempio di simbiosi fra vegetali è rappresentato dai batteri azotofissatori che vivono sulle radici delle leguminose.
Le piante parassite sono quelle che, essendo prive di clorofilla, vivono a spese di altre piante danneggiandole. Parassita assai comune, oltre all'orobanche, è la cuscuta. La si può vedere in estate serpeggiare nei luoghi incolti dove cresce l'ortica e talvolta infesta anche terreni coltivati ad erba medica e a trifoglio. La cuscuta si attacca al fusto della pianta ospite e affonda in esso particolari organi, detti austori, che succhiano la linfa. L' ospite resta così gravemente danneggiato.
Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email