Ominide 8039 punti

L'apparato digerente

Gli alimenti per essere usati dal corpo devono essere triturati, ridotti in poltiglia, trasformati in sostanze chimiche più semplici. Questo complicato processo, di trasformazione, denominato digestione, si compie ad opera di organi e di ghiandole che formano l'apparato digerente.
La digestione degli alimenti ha inizio nella bocca. Osserva la tua bocca dinnanzi a uno specchio e nota che essa è limitata anteriormente dalle labbra; ai lati, dalle gote; superiormente, dal palato; inferiormente, dalla lingua e dal pavimento boccale. Inoltre la bocca è fornita d due file di denti saldamente infissi nelle ossa mascellari.
Esamina adesso i denti, organi della masticazione dei cibi solidi. Non sono tutti uguali; ma, dovendo svolgere compiti diversi, hanno anche forma diversa.
-Gli incisivi hanno la forma di scalpello e servono quindi per tagliare il cibo.
-I canini, più robusti, terminano a punta e servono per strappare e per lacerare.

-I premolari e i molari sono larghi e servono per triturare i cibi.
Quando la dentatura è costituita dai denti incisivi, canini e molari, viene detta completa. Quando invece è priva dei denti canini o degli incisivi, la dentatura viene detta incompleta. Così, ad esempio, nell'uomo e negli animali onnivori o carnivori la dentatura è completa; mentre negli animali erbivori la dentatura è incompleta.
Il cibo ,masticato e insalivato, attraverso l'esofago che è un tubo elastico, passa nello stomaco.
Lo stomaco si trova nella cavità addominale. Si presenta come una dilatazione del tubo digerente e ha forma di un sacchetto ricuro. Esso può dilatarsi consentendo l'introduzione di una notevole quantità di cibo in una sola volta e ciò rende possibili i pasti.
Le pareti di questo sacco sono formate di potenti muscoli che, contraendosi e rilassandosi continuamente, rimescolando il cibo. All'interno lo stomaco produce il succo gastrico che agisce sugli alimenti trasformandoli in composti più semplici, i quali poi passano nell'intestino.
L'intestino è un lungo tubo contenuto nella cavità addominale, avvolto in una membrana detta peritoneo, e ripiegato su se stesso a formare delle anse o circonvoluzioni intestinali. Il primo tratto dell'intestino è stretto e sottile, ragione per cui viene denominato intestino tenue. Il secondo tratto, più breve ha il diametro maggiore e la parete muscolare più grossa, ragione per cui prende il nome di intestino crasso. Esso è disposto come una cornice intorno al tenue.
Più avanti, studiando gli animali, potrai riscontrare che gli erbivori hanno lo stomaco ampio e l'intestino molto lungo perchè richiede una digestione laboriosa. I carnivori, invece, hanno lo stomaco e l'intestino più piccoli. La digestione dei cibi, iniziata nella bocca e proseguita nello stomaco, viene completata nell'intestino tenue per l'azione di due importanti liquidi: la bile che proviene dal fegato, e il succo pancreatico che è prodotto dal pancreas.
-il fegato , situato sotto il diaframma, è una grossa ghiandola, cioè un organo che fabbrica sostanze utili, un vero e proprio laboratorio chimico.
-il pancreas è una ghiandola che si trova nella cavità addominale, al centro, sotto lo stomaco. Produce il succo pancreatico, importantissimo per la digestione.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità