L'apparato digerente ha la forma di un tubo, lungo circa 10-12 metri, con diametro variabile. E' composto da bocca, faringe, esofago, stomaco, intestino tenue e intestino crasso.

Tutto il tubo digerente è ricoperto internamente da una mucosa, tessuto ricco di ghiandole in grado di secernere muco e sostanze proteiche, dette enzimi, che favoriscono lo svolgimento delle reazioni chimiche dell'organismo; ogni enzima è specializzato in un particolare tipo di reazione.
All'apparato digerente sono annessi due organi importanti: il fegato e il pancreas.

Nella bocca inizia la digestione: il cibo viene triturato dai denti e impastato dalla lingua, che lo trasformano fisicamente, e irrorato dalla saliva, che attraverso la ptialina, trasforma chimicamente gli amidi di zuccheri. Il cibo così trasformato viene detto bolo.
Il bolo viene deglutito, spinto nella faringe e poi nell'esofago.

Raggiunge quindi lo stomaco, dove la digestione prosegue grazie all'azione della pepsina e dell'acido cloridrico che trasformano le proteine in peptoni. Il bolo diventa chimo.
Il chimo passa nell'intestino tenue, dove viene completata la digestione degli zuccheri, delle proteine e dei grassi grazie all'azione della bile, del succo pancreatico e del succo enterico. Il chimo si trasforma in chilo.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email